Veneto tra le zone "a rischio" per la Germania: obbligatorio il tampone o la quarantena

Il Governo tedesco ha inserito nella lista la provincia autonoma di Bolzano - Alto Adige, Valle d'Aosta, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Umbria, Toscana, Lazio, Abruzzo e Sardegna

Immagine generica

La Germania ha aggiornato la sua lista delle zone considerate "a rischio" per la pandemia di Covid-19, inserendo diverse regioni Italiane. 
Oltre a Svizzera, Polonia, buona parte dell'Austria e altre, il Governo tedesco ha inserito nell'elenco la provincia autonoma di Bolzano - Alto Adige, Valle d'Aosta, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Umbria, Toscana, Lazio, Abruzzo e Sardegna. Rimosse dalla lista le Canarie, vi rimane la Spagna. 

A partire dal 24 ottobre dunque, chi arriva in Germania dovrà attenersi al Protocollo. Ecco cosa dice la nota dell'Ambasciata d'Italia - Berlino. 

«Tutti coloro che nei 14 giorni precedenti l'ingresso in Germania si siano recati in aree considerate "a rischio" devono mettersi in contatto con l’Autorità sanitaria localmente competente (ma tale obbligo è considerato assolto da parte di tutti coloro che compilano il "formulario di sbarco", che viene distribuito ad esempio a tutti i passeggeri che arrivano con l'aereo) e produrre un risultato negativo al test SARS-CoV-2 effettuato nelle precedenti 48 ore, oppure sottoporsi obbligatoriamente a tampone nel momento dell’ingresso in Germania.

Il test può essere effettuato prima della partenza (in un Paese UE o incluso nel pertinente elenco del RKI), ma non oltre 48 ore prima dell'ingresso in Germania e deve essere accompagnato da relativa attestazione medica. Tutti i documenti devono essere redatti in inglese o in tedesco.

In alternativa, il test può essere condotto direttamente nel luogo di ingresso in Germania (aeroporto, porto marittimo, autostazioni).
Ove ciò non sia possibile, il test può essere eseguito in un secondo momento presso una struttura sanitaria abilitata, rispettando nel frattempo l’obbligo di quarantena. Il test effettuato in Germania è gratuito.

Per tutti coloro che provengono dalle aree “a rischio”, vige obbligo di quarantena per 14 giorni o finché non si possa presentare un test (PCR) di negatività al Covid 19».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento