menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Vaccino anti Covid, accordo Regione-medici di base: «4-5 mesi per la copertura»

«Noi siamo disponibili da subito ad accedere a domicilio, ma abbiamo bisogno di un modello organizzativo che preveda personale a sostegno, magari per snellire le pratiche», ha spiegato Maurizio Scassola, presidente Fimmg del Veneto

«Domani mattina (oggi, 11 marzo, ndr) abbiamo la firma, come associazioni sindacali aspettiamo di mandare gli ultimi appunti, piccoli aggiustamenti del testo, ma l'accordo è fatto e siamo molto contenti dello spirito di collaborazione». Lo afferma il presidente Fimmg del Veneto, Maurizio Scassola, parlando alla Agenzia Dire dell'accordo con Palazzo Balbi per la partecipazione dei medici di medicina generale alla campagna di vaccinazione contro il Covid. Durante il confronto con la Regione «abbiamo sottolineato come la fase drammatica dell'epidemia sia anche l'occasione per riorganizzare la medicina generale, abbiamo avuto moltissimi spunti per aprire, dopo la chiusura di questo accordo, un confronto su un accordo integrativo regionale che potenzi in sistema di medicina generale», continua Scassola.

Tornando alla campagna vaccinale, «credo che già nei prossimi giorni potremmo iniziare con i colleghi che hanno una situazione adeguata nello studio, penso ad esempio alle medicine di gruppo che hanno un minimo di personale attrezzato». Perché la vaccinazione contro il Covid è più complessa e richiede più tempo rispetto a quella antinfluenzale. E da qui nascono anche alcune difficoltà relative alla vaccinazione a domicilio. «Noi siamo disponibili da subito ad accedere a domicilio, ma abbiamo bisogno di un modello organizzativo che preveda personale a sostegno, magari per snellire le pratiche», perché «l'attività domiciliare è piuttosto pesante» per via della necessità di effettuare l'anamesi, di compilare diversi documenti e dei tempi di osservazione dei pazienti, chiarisce il presidente Fimmg Veneto.

Ad ogni modo, rispetto al fatto l'accordo in Veneto arriva in ritardo di qualche giorno rispetto ad altre Regioni, «chi è partito prima del Veneto in Italia non si trova in grandi condizioni organizzative, noi abbiamo fatto bene a rallentare un attimo per avere ora un buon accordo con la Regione», visto che nel frattempo non ci sarebbero comunque state molte dosi di vaccino da somministrare. Le cose dovrebbero cambiare nelle prossime settimane, ed è allora che sarà fondamentale farsi trovare pronti. Per la vaccinazione antinfluenzale «ogni medico di medicina generale ha vaccinato di media 500 persone», e la campagna si è conclusa con la vaccinazione di circa 1,5 milioni di persone in un mese e mezzo. Per la campagna anti covid ogni medico di medicina generale si troverà a vaccinare «se non il doppio, almeno 800/900 pazienti. Io mi aspetto che ci vorranno quattro o cinque mesi per avere una copertura vaccinale», conclude Scassola.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento