rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Attualità

I vaccini anti Covid-19 sono arrivati in Italia: si comincia domenica, anche a Verona

Le prime dosi del preparato di Pfizer-Biontech hanno superato il Brennero per arrivare allo Spallanzani di Roma. Il V-Day è fissato per il 27 dicembre: pronto a scattare il piano di vaccinazione del Veneto

Alle 9.30 del giorno di Natale è stato compiuto il primo passo per cercare di uscire dall'incubo della pandemia di Covid-19. Un passo che ha la forma del furgone con a bordo le 9750 dosi del vaccino anti-Covid di Pfizer-Biontech destinate all'Italia. Secondo quanto si apprende dall'Ansa, il mezzo proveniente dal Belgio, ha oltrepassato la frontiera del Brennero e, scortato dai carabinieri, si è diretto all'ospedale Spallanzani di Roma.

Sabato, secondo il programma, le dosi saranno divise regione per regione e domenica 27 sarà il giorno del V-Day. Sono 875 le dosi destinate al Veneto: in provincia di Verona i primi a beneficiarne saranno cento operatori sanitari "in prima linea" in questa emergenza sanitaria. 

Piano di vaccinazione anti-Covid-19 in Veneto 

Il primo vaccino disponibile sarà Pfizer/BioNTech. La "giornata di avvio" della campagna vaccinale unica a livello europeo, 27 dicembre 2020, vedrà somministrato un primo quantitativo di 875 dosi.

Chi coordina le attività vaccinali?

Il coordinamento delle attività vaccinali in ciascun territorio di riferimento e nei Punti di Vaccinazione individuati (programmazione, chiamata attiva, distribuzione, somministrazione, monitoraggio e tracciamento, formazione del personale) è affidato ai Servizi di Igiene e Sanità Pubblica dei Dipartimenti di Prevenzione, che presentano al proprio interno le competenze, l’esperienza e la professionalità per svolgere tale attività:

  • Medici di riferimento specialisti in Igiene e Sanità Pubblica per fornire consulenza relativamente a elementi di carattere tecnico scientifico, nel rispetto della buona pratica vaccinale.
  • Assistenti Sanitari/Infermieri di riferimento per fornire consulenza relativamente a organizzazione delle sedute, allestimento e logistica (conservazione dei vaccini, controllo lotti, presidi medici per l’emergenza, smaltimento dei rifiuti sanitari).

Particolare attenzione sarà posta alla formazione del personale coinvolto nelle attività di vaccinazione, nel rispetto di tutte le evidenze scientifiche di volta in volta disponibili, in stretta collaborazione con gli organismi nazionali ed internazionali.

A chi sarà offerta la vaccinazione?

L’avvio della campagna vedrà coinvolto in questa prima fase:

  • personale ospedaliero e territoriale del Servizio Sanitario e Socio-Sanitario Regionale;
  • ?ospiti e operatori delle strutture socio-sanitarie territoriali.

Nella Regione del Veneto, la prima fase di immunizzazione sarà rivolta a una popolazione pari a 184.893 soggetti, di cui:

  • 91.035 personale sanitario di Aziende ed Enti del SSR e di strutture private; ?
  • 93.858 Personale e ospiti di strutture socio-sanitarie territoriali.

Successivamente la vaccinazione verrà estesa alla popolazione generale, secondo criterio anagrafico e di rischio specifico, oltre che a specifiche categorie individuate, tra cui i lavoratori dei servizi essenziali e soggetti a rischio, inclusi gruppi di popolazione in grado di sostenere la trasmissione dell'infezione nella comunità.

Come si svolgerà la campagna vaccinale?

È prevista la convocazione della popolazione (chiamata attiva) mediante invito, corredato di materiale informativo, da parte del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Prevenzione di riferimento territoriale, con indicazione dell’appuntamento presso la sede vaccinale individuata.

L’avvio della campagna di vaccinazione prevede, inoltre:

  • monitoraggio dei tassi di adesione e delle stime di copertura (registrazione della vaccinazione o dell’eventuale dissenso a questa);
  • attività di farmacovigilanza e sorveglianza di eventuali reazioni avverse;
  • ?monitoraggio e valutazione della persistenza a medio e lungo termine degli anticorpi.

Come si svolgerà la prima fase della campagna?

  • Operatori ospedalieri e territoriali del Servizio Sanitario Regionale Pubblico e Privato: ogni Azienda Sanitaria attiverà i Punti di Vaccinazioni Ospedalieri e Territoriali.
  • Operatori ed ospiti delle Strutture Socio-Sanitarie territoriali:Per le strutture residenziali l’attività di vaccinazione sarà garantita in loco dagli operatori della struttura stessa, supportati da personale afferente all’Azienda ULSS di riferimento: per tutte le strutture non residenziali (es. centri diurni, centri sollievo per anziani, disabili, salute mentale, dipendenze, ecc.) saranno individuate modalità organizzative ad hoc.

Come si svolgerà la seconda fase della campagna?

Popolazione generale: le Aziende ULSS attiveranno sul territorio dei Centri di Vaccinazione di Popolazione (CVP), ovvero punti di vaccinazione all’interno dei quali sarà offerta la vaccinazione alla popolazione generale. Tali centri potranno effettuare la vaccinazione anche in modalità “drive-through”. La popolazione verrà convocata dal Servizio di Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Prevenzione territorialmente competente, che fornirà indicazioni su modalità e tempistiche per accedere ai punti vaccinali.

Gli aspetti relativi alla logistica e al processo di approvvigionamento, stoccaggio e trasporto prevedono diversi livelli di coordinamento:

  • coordinamento nazionale: Ministero della Salute, Commissario per l’emergenza; 
  • coordinamento regionale: Regione;?
  • coordinamento locale: Aziende ULSS.

Come verranno distribuiti i vaccini?

In base alle differenti caratteristiche dei vaccini in fase di sviluppo, il processo di distribuzione e conservazione prevede allo stato attuale due modelli organizzativi: modello freeze (per la conservazione dei vaccini a mRNA) e modello cold (catena del freddo standard).

Nella Regione del Veneto, per assicurare il funzionamento della distribuzione secondo entrambi i modelli organizzativi, sono stati predisposti e forniti di idonei dispositivi di conservazione 7 HUB locali (1 per ciascuna provincia), individuati nelle farmacie ospedaliere. Ogni HUB locale costituirà la base per la distribuzione ai punti di somministrazione, in un’azione coordinata dai Servizi Igiene e Sanità Pubblica dei Dipartimento di Prevenzione delle Aziende ULSS.

Dove si svolgeranno le vaccinazioni?

  • Operatori ospedalieri e territoriali: ogni Azienda Sanitaria attiverà i Punti di Vaccinazioni Ospedalieri e Territoriali, con il coordinamento del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Prevenzione territorialmente competente. 
  • Operatori ed ospiti strutture socio-sanitarie territoriali: l’attività di vaccinazione per le strutture residenziali sarà garantita presso la struttura stessa da personale delle strutture residenziali socio-assistenziali, supportato da personale afferente alle Aziende ULSS di riferimento, sotto il coordinamento del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica.
  • Per tutte le strutture non residenziali (es. centri diurni, centri sollievo per anziani, disabili, salute mentale, dipendenze, case di riposo per autosufficienti, comunità educative minori) saranno individuate, da parte delle Aziende ULSS, modalità organizzative ad hoc.
  • ?Popolazione generale: Centri di Vaccinazione di Popolazione (un CVP ogni 20.000-100.000): strutture (es. palazzetti dello sport, palestre, auditorium, scuole, etc.) all’interno delle quali è possibile organizzare la vaccinazione rapida e sicura di un elevato numero di persone.

Come avverrà la vaccinazione? ?

In un CVP si prevede la presenza di:

  • un Medico Specialista in Igiene e Sanità Pubblica esperto di vaccinazioni, responsabile del centro;
  • un Assistente Sanitario esperto vaccinatore, che svolge funzioni organizzative e di coordinamento del personale vaccinatore;
  • operatori sanitari vaccinatori che, sotto il coordinamento di un Medico vaccinatore responsabile, garantiscono la raccolta dell’anamnesi pre-vaccinale, la preparazione (ricostituzione) delle dosi, la somministrazione del vaccino e la registrazione del dato negli applicativi regionali, le informazioni sulla gestione degli eventuali effetti collaterali;
  • ?eventuale personale di supporto (volontari protezione civile e/o dell’esercito) per la gestione all’esterno di grandi flussi di persone e di auto, triage al varco, flusso all’interno, prima sorveglianza post-vaccinale, primo soccorso).

Due turni di 6 ore di attività vaccinale + 2 ore dedicate alla preparazione a alla chiusura della seduta (14 ore di lavoro totali).

  • Area esterna: area parcheggio e zona di attesa esterna. ?
  • Area interna. ?Stazione 1: triage e check-in. Stazione 2 e 3: (2) anamnesi prevaccinale e (3) somministrazione della vaccinazione. ?Stazione 4: monitoraggio post-vaccinale.

I “Punti tamponi COVID-19” e i “Drive-through tamponi COVID-19”, contestualmente al Centro di Vaccinazione di Popolazione, possono essere ri-convertiti, anche per frazioni di tempo della giornata, in punti per la vaccinazione.

Comunicazione ed informazione

Verrà organizzata una campagna informativa e comunicativa alla popolazione, con l’obiettivo di sostenere la motivazione personale per la scelta vaccinale, differenziata per target (operatore sanitario, personale dei servizi di pubblica utilità, anziani, care givers, ecc.). Andrà favorita la diffusione capillare tra il personale sanitario delle informazioni disponibili sul vaccino e sulle evidenze scientifiche attualmente disponibili, sia per una maggiore consapevolezza del personale stesso sia in considerazione dell’importante ruolo rivestito nei confronti della popolazione quale riferimento per l’autorevolezza delle informazioni scientifiche.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I vaccini anti Covid-19 sono arrivati in Italia: si comincia domenica, anche a Verona

VeronaSera è in caricamento