rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sport e studio all'Università di Verona: 50 studenti nel progetto "Doppia carriera"

Portare avanti la carriera sportiva senza rinunciare alla laurea, con un sostegno che permetta di farlo senza intraprendere un percorso di studi differenziato: è il nuovo progetto lanciato dall'ateneo scaligero

Continuare a tagliare traguardi e impegnarsi al massimo nella carriera sportiva senza dover rinunciare a eccellenti risultati anche nel percorso universitario. All’università di Verona è possibile grazie al progetto “Doppia carriera studente/atleta” attivato dall’ateneo in linea con le indicazioni europee sulla doppia carriera per sostenere il diritto allo studio e la conciliazione con lo sport, praticato anche ad alto livello, dagli universitari. Sono, infatti, 50 a oggi le studentesse atlete e gli studenti atleti frequentanti i diversi corsi di studio afferenti a tutti i dipartimenti dell’ateneo che, grazie al progetto e al sostegno di 19 tutor, possono conciliare il percorso universitario con quello sportivo. Il percorso è nato grazie alla collaborazione con il comitato sport di ateneo, l’Esu scaligero e il Cus, Centro universitario sportivo di Verona.

A fare il punto sul progetto, tra risultati ottenuti e nuove prospettive, sono stati il magnifico Rettore dell’Università di Verona Pier Francesco Nocini, la responsabile scientifica del progetto Francesca Vitali, Francesca Zivelonghi presidente di Esu Verona e Franco Merci, membro del consiglio direttivo del Cus Verona nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nella mattinata di mercoledì a Palazzo Giuliari, sede del Rettorato.
Presente, in collegamento da Losanna, Niccolò Campriani, campione olimpico e senior sports intelligence manager del Comitato olimpico internazionale. Alla sua testimonianza si sono affiancate quelle di Giada Pozzato, studentessa del corso di laurea in Biotecnologie, atleta di atletica leggera e campionessa italiana junior di salto con l’asta e di Iacopo Butturini studente del corso di laurea in Scienze motorie e atleta di triathlon.

Il progetto 

Negli anni scorsi l’università di Verona si è strutturata come “Student-Athlete Friendly University”, un ateneo sensibile e impegnato nel sostenere la doppia carriera ovvero il diritto allo studio e la conciliazione di questo impegno con lo sport. È in questa cornice che si colloca, tra le diverse iniziative, l’avvio quattro anni fa del programma “Academic Coach” progetto fortemente innovativo per l’ateneo veronese e reso possibile grazie alla sinergia tra Comitato sport di ateneo, presieduto da Federico Schena delegato del rettore alla Didattica, Esu e Cus Verona e che ha trovato un importante sviluppo nell’anno accademico in corso grazie a un provvedimento del magnifico rettore. Tale programma è stato finalizzato a sostenere il diritto allo studio e il diritto alla pratica sportiva degli studenti-atleti veronesi inseriti in un percorso di doppia carriera, universitaria e sportiva.
I servizi dedicati alle studentesse-atlete e agli studenti-atleti sono: l’assegnazione di un tutor, una flessibilità nelle date degli esami e nelle lezioni a frequenza obbligatoria, una certificazione dei meriti sportivi nel Diploma supplement e altri servizi a supporto della loro attività sportiva. Non un percorso di studi differenziato, dunque, ma un sostegno al mantenimento di una buona carriera universitaria nonostante i vincoli costanti imposti dalla carriera sportiva. Possono accedere al programma tutte le studentesse e gli studenti interessati, regolarmente iscritti all’università di Verona che presentano apposita domanda che attesti il possesso di meriti sportivi di particolare rilievo agonistico specificati nell’avviso per la doppia carriera studente - atleta.
Inoltre, il programma valorizza la peer-tutorship, ovvero il supporto fra pari offerto da 19 studentesse e studenti senior dell’Ateneo scaligero che hanno il ruolo di garantire un sostegno allo studio e alla sua organizzazione, oltre che di guidare e motivare lo studente-atleta.
Il percorso di doppia carriera è, quindi, un sostegno concreto che permette a studentesse e studenti iscritti all’ateneo scaligero in possesso dello status di studente-atleta di intraprendere, proseguire e portare a termine con successo la propria carriera accademica in combinazione con quella sportiva, coerentemente con quanto riportato dalle “Linee guida europee sulla doppia carriera degli atleti - Norme di azione raccomandate a sostegno della Doppia Carriera nello sport di élite”, approvate dal Gruppo europeo di esperti “Education & training in Sport” nel 2012.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Sport e studio all'Università di Verona: 50 studenti nel progetto "Doppia carriera"

VeronaSera è in caricamento