L'università di Verona ripristina le sessioni di laurea in presenza dopo la parentesi online

Già da luglio gli studenti torneranno a vivere l’emozione della discussione in ateneo

Laureando

L’emergenza legata alla diffusione del Covid-19 ha costretto a ripensare molti aspetti della vita universitaria, come l’erogazione delle lezioni, le sessioni di esame e di laurea, che si sono svolte tutte regolarmente, grazie all’impegno e ai mezzi informatici messi in campo dall’ateneo scaligero, ma a distanza. La vera vita universitaria però è fatta anche di confronto, discussione e incontri, dunque di presenza.

Per questo, ora che la situazione sanitaria, con le dovute precauzioni come l’utilizzo dei dispositivi di protezione e il distanziamento, consente una ripresa della normalità, l’ateneo è pronto a ripopolarsi e dal 29 giugno le lauree magistrali, incluse quelle a ciclo unico, secondo la decisione dei rispettivi collegi didattici dei corsi di studio, torneranno ad essere in presenza.

«L'indicazione governativa è che si possano organizzare le lauree in presenza sin da luglio, - spiega il Magnifico Rettore Pier Francesco Nocini - ovviamente col necessario distanziamento e con la presenza di pochi familiari. Sarà comunque un passo verso il ritorno alla normalità, con la ripresa dello scambio di conoscenze e di pensiero fatta di persona, non dallo schermo di un computer, che è parte fondante dell’esperienza universitaria».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alcuni dei laureandi della prossima sessione estiva potranno quindi tornare a discutere la tesi e a vivere l’esperienza della proclamazione di persona. Negli scorsi mesi sono state comunque assicurate tutte le sessioni di laurea, con quasi 2.000 studentesse e studenti che sono stati proclamati "dottori" in via telematica nelle diverse aree scientifico-disciplinari. Tesi triennali, magistrali e di specializzazione discusse da remoto, virtuali nelle modalità di svolgimento ma non nella trepidazione e nell’importanza del traguardo raggiunto. Un segnale positivo per l’ateneo, che non si è fermato davanti all’emergenza coronavirus ma ha aperto le finestre al sapere, proseguendo nelle attività didattiche grazie alla tecnologia a distanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

Torna su
VeronaSera è in caricamento