menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine generica

Immagine generica

Unicredit dona 500 mila euro alla Regione Veneto per la lotta al Covid-19

Il governatore Luca Zaia ha spiegato che con il denaro «sosterremo le ingenti spese necessarie a garantire ai veneti prevenzione, sicurezza e cure legate al coronavirus»

«Unicredit ha una consolidata tradizione di banca vicina al territorio e oggi ne dà un’ulteriore dimostrazione, donando 500 mila euro con i quali sosterremo le ingenti spese necessarie a garantire ai veneti prevenzione, sicurezza e cure legate al coronavirus».

Con queste parole, il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, esprime la gratitudine «mia e di tutti i Veneti» all’istituto bancario, che ha donato mezzo milione di euro, anticipando il frutto dei fondi che verranno raccolti nel corso dell’anno tramite UniCredit Card Flexia Classic Etica. UniCredit è presente in Veneto con 289 filiali e circa 4300 dipendenti ed è tesoriera della Regione

«In un momento in cui continua a essere vitale per tutti noi la capacità di fare squadra – aggiunge Zaia – è entrato in campo un nuovo giocatore importante a rafforzare una realtà di solidarietà diffusa che resterà nella storia del Veneto».

DONAZIONI - Non si arresta la gara di solidarietà dei cittadini veneti nelle donazioni a sostegno della lotta contro il Covid 19, agevolata e semplificata grazie alla possibilità di destinare contributi economici volontari direttamente alla Regione tramite il circuito di pagamento digitale PagoPA, collegandosi al portale istituzionale (www.regione.veneto.it) e utilizzando la carta di credito.

Le modalità per portare la donazione sono praticamente le stesse già utilizzate per altri pagamenti come il bollo auto. Collegato alla home page della Regione del Veneto, il cittadino trova un tasto che permette di raggiungere una pagina nella quale inserire: Nome, Cognome, indirizzo mail e Codice Fiscale (quest’ultimo nel caso voglia utilizzare la donazione ai fini della detrazione fiscale). Inseriti questi dati, ha la possibilità di scegliere un importo predefinito:5, 10, 20, 50, 100, 200, 500 euro o di inserire un importo libero fino ad un massimo di 1.000 euro. Fino a questo tetto, infatti, optando per il pagamento con carta di credito tramite Unicredit e Satispay non c’è addebito della commissione bancaria. Si può utilizzare anche PayPal con l’addebito di 1.50 euro.

Al termine della procedura, oltre al ringraziamento a video, il donatore riceve una mail di conferma e ringraziamento del versamento con un attestato ufficiale firmato digitalmente dal presidente Zaia. Per chi lo desidera, la donazione può rimanere anonima, contrassegnando una specifica casella, in alternativa il nominativo potrà essere compreso nell’elenco pubblico dei donatori.

«La gara di solidarietà ingaggiata dai Veneti in questa emergenza sanitaria non merita di essere rallentata da complicazioni di nessun tipo – sottolinea il vicepresidente Gianluca Forcolin, assessore al Bilancio -. Si è reso necessario superare le difficoltà di versamento legate al bonifico bancario. Un’operazione con l’utilizzo di un codice composto da ben 27 caratteri alfanumerici e, nella maggioranza dei casi, anche un costo di commissione, infatti, si sta dimostrando un limite per le donazioni di entità relativa, quelle che vengono dal cuore dei semplici cittadini e che sono le più diffuse. Con questa soluzione rendiamo per tutti più semplice contribuire a questa lotta contro il Coronavirus e sostenere il lavoro dei nostri sanitari».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento