rotate-mobile
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Cattiva alimentazione e disturbi intestinali: a Verona ne soffre un ragazzino su tre

Secondo uno studio effettuato dell’Ulss9 Scaligera in collaborazione con l’UniVR, ne è soggetto il 30,9% dei giovani veronesi tra i 10 e i 14 anni. Una questione che è al centro del convegno che si tiene in Gran Guardia fino al 19 ottobre

Disturbi funzionali gastrointestinali – DFGI. Ovvero, un mix di sintomi a carico dell’apparato digerente, come dolori addominali e nausea, che è oggi fra le cause più ricorrenti di problemi gastrointestinali nei giovani sotto i 14 anni. Ne soffrono, secondo uno studio effettuato dell’Ulss9 Scaligera in collaborazione con l’Università di Verona, il 30,9% dei ragazzi veronesi tra i 10 e i 14 anni, sempre più abituati ad una alimentazione sregolata, priva di verdure e frutta e ricca di bevande gassate, pasta e dolci.

Per questo, una cultura nutrizionale corretta è sempre più importante. Un obiettivo a cui punta ‘Specialisti all’opera’, il XXVI Congresso nazionale della Società italiana di Gastroenterologia, Epatologia e Nutrizione pediatrica – SIGENP, in programma alla Gran Guardia dal 16 al 19 ottobre.

Ad aprire l’incontro gli interventi dello psichiatra Vittorino Andreoli, su ‘La fame del cervello’, e dell’atleta paralimpica Francesca Porcellato, che attraverso la sua storia personale spiegherà quali alimenti e preparazione sportiva l’hanno portata ai maggiori traguardi sportivi.

Il Congresso si concentrerà poi su sei principali percorsi clinico-assistenziali intitolati ‘100 minuti di...’: neurogastroenterologia, malattie correlate ad alimenti, epatologia, nutrizione, endoscopia e malattie infiammatorie croniche intestinali, che racchiudono l’insieme della gastroenterologia pediatrica. Ai vari percorsi sarà possibile partecipare attraverso l’App SIGENP.

Con l’appuntamento ‘Ad ogni pancia la sua pizza’, in programma giovedì 17 ottobre dalle 17.30 alle 19.30, il Gruppo Giovani SIGENP propone un incontro con lo chef Renato Bosco. Scienza e gastronomia si fonderanno insieme per una degustazione di pizze create con prodotti gustosi e ben tollerati.

Durante il Congresso saranno inoltre presentati al pubblico circa 200 lavori scientifici, tra i quali, gli studi effettuati dall’Ulss9 Scaligera, in collaborazione con l’Università di Verona, sulle abitudini di vita e sui disturbi DFGI dei 1706 studenti veronesi, tra i 10 e i 14 anni, esaminati.

L’evento è stato presentato dall’assessore alla Cultura Francesca Briani. Presente il presidente del Congresso SINGEP e direttore del Dipartimento Materno Infantile dell’Ulss 9 Scaligera Mauro Cinquetti e il direttore Sanitario dell’Ulss 9 Scaligera Denise Signorelli.

«Un’interessante opportunità d’incontro-confronto per il mondo medico-scentico – sottolinea l’assessore Briani –, che punta ad approfondire e mettere in luce le tante e diverse problematiche collegate ad una cattiva alimentazione e ad uno scorretto stile di vita. Un cocktail pericoloso per i nostri giovani, che potrebbero avere serie conseguenze una volta diventati adulti».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cattiva alimentazione e disturbi intestinali: a Verona ne soffre un ragazzino su tre

VeronaSera è in caricamento