Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Attualità Centro storico / Piazza Bra

Cure e solidarietà. In Gran Guardia si discute sul tumore al Pancreas

L'incontro nazionale sulla patologia avrà luogo venerdì 16 novembre e sarà rivolta particolare attenzione alla prevenzione, alla diagnosi precoce e ai diversi percorsi di trattamento attuali e futuri della malattia

Verona, in occasione della Giornata Mondiale sul tumore al Pancreas, ospita l’incontro nazionale di studio e di confronto sulla patologia e sulle metodologie per la sua prevenzione e trattamento. L’appuntamento è per venerdì 16 novembre, dalle 9 alle 19, alla Gran Guardia.

Durante la giornata formativa sarà rivolta particolare attenzione alla prevenzione, alla diagnosi precoce e ai diversi percorsi di trattamento attuali e futuri della malattia. Inoltre, saranno affrontati gli aspetti psico-sociali che interessano i pazienti e i loro familiari durante il periodo di cura.
La partecipazione all’incontro è gratuita, fino ad esaurimento posti. Per registrarsi contattare “Effetti s.r.l.” allo 02 3343885 o scrivere una e-mail a: maria.tacconi@effetti.it.

La giornata si concluderà, alle 20 nella sala Buvette della Gran Guardia, con la cena di gala a scopo benefico. Per accedere è obbligatoria la prenotazione con il versamento di un contributo. Il ricavato sarà devoluto a sostegno di progetti per lo sviluppo della ricerca e la diffusione di una corretta informazione per la prevenzione e cura di questa patologia. Per informazioni e prenotazioni contattare la segreteria organizzativa al 320 8160441.

L’iniziativa è promossa dall’associazione veronese ‘Amici del Pancreas’ e dalla fondazione ‘Nadia Valsecchi’, in collaborazione con l’Istituto del Pancreas – A.O.U.I. Verona e con il patrocinio di Comune, Regione Veneto, ufficio di Pastorale della salute della Diocesi di Verona, Università di Verona e Fondazione Italiana per la Ricerca delle Malattie al Pancreas. Interessate dall’iniziativa anche le realtà attive nel campo della solidarietà: associazione ‘Cilla’ (accoglienza alberghiera per pazienti e parenti), associazione ‘Progetto Convivio’ (attività multiculturali in oncologia) e ‘Donatori di musica’ (associazione nazionale di musicisti che offrono la loro prestazione artistica negli ospedali).

L’appuntamento è stato presentato lunedì mattina dall’assessore ai Servizi sociali Stefano Bertacco insieme al presidente dell’associazione Amici del Pancreas Maurizio Corazza e il direttore dell’Unità Operativa di Chirurgia Generale B, Istituto del pancreas AOUI Verona, dott. Claudio Bassi. Presente Sara Dalgal per l’associazione Nastro Viola.

«Sempre di più Verona è al centro della ricerca e della convegnista in ambito medico-sanitario – sottolinea Bertacco –. Un risultato importante, frutto di un’ampia collaborazione messa in campo da tutte le associazioni e istituzioni del territorio che, unite, operano nel quotidiano con l’unico scopo di portare aiuto a chi è malato. La ricerca ha bisogno del sostegno di tutti. Servono risorse costanti per coprire quei percorsi medici fondamentali per trovare, presto, soluzioni contro questa patologia».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cure e solidarietà. In Gran Guardia si discute sul tumore al Pancreas

VeronaSera è in caricamento