rotate-mobile
Giovedì, 7 Dicembre 2023
Attualità Via Gian Matteo Giberti

Tamponi di fine quarantena o isolamento in farmacia, Federfarma: «Subito attivati»

Elena Vecchioni: «Per agevolare il lavoro, i pazienti espongano la propria situazione quando prenotano il test»

Dopo l'annuncio del presidente Luca Zaia, ieri, 24 gennaio, è giunto in via ufficiale il nuovo protocollo della Regione Veneto sui test antigenici rapidi di fine isolamento o quarantena. E le farmacie di Federfarma Verona già nel primo pomeriggio erano operative ed hanno offerto da subito il servizio alla popolazione.

Hanno diritto ai test antigenici rapidi gratuiti in farmacia:

  • I soggetti che, in possesso di idonea certificazione, per motivi di salute non possono ricevere o completare il ciclo vaccinale anti-Covid.
  • I soggetti sottoposti a quarantena e definiti "contatto stretto", che necessitano del test di fine quarantena e sono in possesso del documento di quarantena rilasciato dall'Ulss o dal medico curante.
  • Gli studenti delle scuole di primo e secondo grado in regime di auto-sorveglianza in possesso di prescrizione del medico curante.
  • I bambini e gli alunni che sono stati identificati come contatti scolastici e sono in possesso di comunicazione dell'Ulss o dell'istituto scolastico.
  • I soggetti positivi asintomatici da almeno 3 giorni che necessitano del test per certificare la negativizzazione e la fine isolamento, compresi gli studenti di ogni ordine e grado, sulla base dei tempi e delle indicazioni del medico curante o dell’operatore di sanità pubblica (Sisp).

«Ci siamo subito attivati affinché i cittadini aventi diritto possano usufruire della gratuità del tampone in farmacia - ha precisato Elena Vecchioni, presidente di Federfarma Verona - Ricordiamo che è fondamentale portare con sé prescrizioni e documentazioni che attestino la richiesta di fine quarantena o di fine isolamento e nel caso dei pazienti che non possono eseguire il vaccino per motivi di salute, la relativa certificazione. Vista la complessità della casistica chiediamo che, all’atto della prenotazione telefonica del test antigenico rapido, i pazienti espongano la propria situazione. In questo modo si agevola il lavoro sempre più intenso della farmacia, venendo contemporaneamente incontro al paziente che non effettuerà viaggi a vuoto».

Nelle farmacie della provincia di Verona nella sola settimana dal 7 al 13 gennaio sono stati eseguiti 79.452 test antigenici rapidi con l’individuazione di 14.193 soggetti positivi. Si tratta di un incremento esponenziale se si pensa che i contagi da Covid intercettati nell’intero mese di dicembre erano stati 7.695 su 300.495 test. In totale, da gennaio 2021 al 13 gennaio 2022, nelle farmacie territoriali scaligere sono stati eseguiti oltre 1.227.700 test antigenici rapidi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tamponi di fine quarantena o isolamento in farmacia, Federfarma: «Subito attivati»

VeronaSera è in caricamento