rotate-mobile
Attualità Porto San Pancrazio / Lungadige Antonio Galtarossa

Tè caldo davanti alla questura per alleviare la mattinata ai migranti in coda

Alcune associazioni veronesi manifesteranno così domani mattina per chiedere a questore e prefetto una radicale inversione di rotta nelle politiche di accoglienza

Vogliono una radicale inversione di rotta nelle politiche di accoglienza dei migranti. E la chiederanno domani, 28 dicembre, al questore di Verona Ivana Petricca e al prefetto Donato Cafagna. Un gruppo di associazioni veronesi spiegano: «Ogni mattina davanti alla questura decine e decine di migranti restano in coda, per ore e con qualsiasi tempo, in attesa di poter svolgere le pratiche burocratiche per ottenere i documenti necessari alla loro permanenza in Italia. Spesso, tra l'altro, inutilmente, a causa della complessità della burocrazia e dell'atteggiamento rigido e poco disponibile di molti funzionari e operatori. Ma questa triste realtà, che è sotto gli occhi di tutti, non è che l'emblema di quello che è l'approccio più generale delle istituzioni al fenomeno migratorio e all'accoglienza delle soggettività migranti».

Le associazioni sono Laboratorio Autogestito Paratod@s, Osservatorio Migranti, Sportello diritti - Infospazio161, Mediterranea saving humans, Rifondazione Comunista, Circolo Pink Lgbtqe - Pink Refugees, Cub Verona e Assemblea 17 dicembre - Verona città aperta e tutte sostengono che i disagi sofferti dai migranti siano il frutto di una «mancanza di volontà politica da cui derivano leggi, e relative interpretazioni, sempre restrittive, iter burocratici lunghi e complessi, disorganizzazione e carenza di personale addetto, scarsa collaborazione tra le istituzioni preposte (Questura, Prefettura, Comune), atteggiamenti talora palesemente razzisti ed escludenti. Questa è la quotidiana realtà con cui devono fare i conti migliaia di migranti, che spesso lavorano a Verona e qui vorrebbero stabilirsi. Una miscela tossica che genera negazione di diritti, frustrazione, umiliazione e, sempre più frequentemente, disperazione e disagio psichico».

Per rendere più sopportabile la mattinata di domani dei migranti e per ottenere condizioni di accoglienza più agevoli, dalle 8 alle 10 alcuni rappresentanti delle otto associazioni veronesi porteranno un bicchiere di tè caldo agli uomini e alle donne che saranno in coda davanti alla questura. Un segno di solidarietà umana, ma anche un atto simbolico di denuncia. Denuncia che sarà portata al questore, a cui sarà chiesto un incontro «per sottoporgli una serie di richieste che se accolte potrebbero eliminare alcune criticità, rendendo la vita un po' meno difficile a molti». E lo stesso sarà fatto subito dopo con il prefetto. «A breve non mancheremo di far sentire la nostra presenza e le nostre rivendicazioni anche al Comune di Verona, che di tutta questa situazione è pure responsabile - concludono le associazioni che parteciperanno all'iniziativa di domani - Con queste azioni intendiamo provare a squarciare la cappa di silenzio e di indifferenza che grava sulla condizione di vita di queste soggettività invisibili, convinti che una larga parte della società civile veronese la ritenga, come noi, inaccettabile».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tè caldo davanti alla questura per alleviare la mattinata ai migranti in coda

VeronaSera è in caricamento