menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'avvio dei lavori sulla Brescia - Verona

L'avvio dei lavori sulla Brescia - Verona

TAV a Verona, nominati due commissari straordinari. Botta e risposta D'Arienzo-Segala

Il Senatore del Partito Democratico ha annunciato la nomina e accusato il Comune di Verona di aver perso tempo nel dare il parere sul progetto preliminare, trovando la replica dell'assessore alla Pianificazione urbanistica

«Per le tratte AC/AV Brescia-Verona-Padova e Verona-Fortezza a breve saranno nominati due commissari straordinari. Finalmente».
A dirlo è il Senatore Vincenzo D’Arienzo, capogruppo PD in Commissione Trasporti del Senato nonché relatore del provvedimento che darà il “nulla osta” (parere) per l’individuazione nominativa dei commissari.
«Due buone notizie per Verona - prosegue D’Arienzo -. La scelta di “commissariare” le due tratte Brescia-Verona-Padova1 e Verona-Fortezza2 conferirà impulso alla realizzazione delle relative opere nel rispetto dei tempi stabiliti, soprattutto per quanto riguarda quella verso il Brennero.
La scelta politica che abbiamo assunto investe due importanti infrastrutture ferroviarie caratterizzate da un elevato grado di complessità progettuale, da una particolare difficoltà esecutiva o attuativa e da complessità delle procedure tecnico-amministrative che comportano un rilevante impatto sul tessuto socio-economico a livello nazionale, regionale e locale.
Del previsto “nulla osta” (parere) sono il relatore in Commissione - comunica il Senatore PD -, ed entro il 27 gennaio il mio incarico andrà terminato.
Successivamente, sarà avviata l’intesa con i Presidenti delle Regioni e poi la firma del decreto da parte del Presidente Conte su proposta del Ministro De Micheli. Su quel decreto di nomina ci esprimeremo di nuovo per il “nulla osta” definitivo.
La decisione di inserire le due opere tra quelle da commissariare è legata alla constatazione che seppure siano a buon punto di realizzazione o progettazione, necessitano comunque di una ulteriore accelerazione per essere completate e rese funzionanti nel breve periodo.
In tutta Italia le opere da commissariare sono 58 (ferroviarie, stradali, idriche, caserme) che, per varie ragioni, non sono in linea con il cronoprogramma.
Per Verona, la lentezza per la tratta Verona/Fortezza è strettamente legata al tempo perso dal Comune di Verona nel dare il proprio parere sul progetto preliminare del lotto 4 funzionale Pescantina-ingresso nel nodo di Verona.
Oltre un anno e mezzo solo per dire cosa ne pensava. Un’enormità che, tra le altre lentezze, ci ha obbligati a “commissariare” l’intervento per riuscire a rispettare i tempi di realizzazione entro il 2028, ovvero in concomitanza con l’apertura del tunnel del Brennero.
Con l’incarico che mi è stato conferito, farò di tutto per portare a termine velocemente la nomina dei due commissari perché Verona ha bisogno come il pane di quelle due tratte ferroviarie», conclude D’Arienzo.

Considerazioni quelle del Senatore del Partito Democratico, che hanno trovato la replica dell'assessore alla Pianificazione urbanistica del Comune di Verona, Ilaria Segala.
«Forse il senatore Vincenzo D’Arienzo dovrebbe spiegare perché, in otto anni, quello nominato per la linea del Brennero è il terzo commissario, ogni volta con la scusa di accelerare i lavori dell'Alta velocità ferroviaria – afferma Segala -. Evidentemente i problemi non sono a livello locale, come vorrebbe far credere. L’obbligo di commissariare l’intervento, infatti, è dovuto non certo a ritardi imputabili al Comune di Verona, che, nonostante le continue richieste e pressioni, non ha mai ricevuto alcun progetto preliminare. Per questo abbiamo approvato, lo scorso agosto, uno schema di accordo tra gli enti che prevedeva il termine di 270 giorni per l’invio del progetto. Sono passati già 5 mesi e ancora non abbiamo visto niente. D’Arienzo, invece di dichiarare cose inesatte, si attivi piuttosto per far sì che venga rispettata almeno questa data e inviata tutta la documentazione. Ci risulta difficile, infatti, dare un parere su un progetto preliminare mai pervenuto e visto».

1L’opera si compone di varie tratte:
  • Brescia-Verona, costo 3.430 mln, finanziata con 2.847 mln per tratta Brescia est-Verona e Nodo di Verona ovest;
  • Verona-Bivio Vicenza, costo 3.093 mln, finanziata con 1.364 mln per 1° lotto costruttivo e Nodi di Verona est;
  • Attraversamento di Vicenza, costo 805 mln, finanziato con 150 mln per 1° lotto costruttivo;
  • Vicenza-Padova, costo 1.316 mln, non ancora finanziati.
2L’opera si compone di varie tratte:
  • Fortezza-Ponte Gardena, costo 1.522 mln interamente finanziati;
  • Circonvallazione di Bolzano, costo 852 mln, finanziato con 8 mln;
  • Circonvallazione di Trento e Rovereto, costo 1.555 mln, finanziati con 7 mln;
  • Ingresso nel nodo di Verona (da Pescantina), costo 998 mln finanziati con 25 mln per la sola parte progettuale.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

  • Casa

    Bollette luce e gas: come ottenere la rettifica

  • Formazione

    Quali sono le soft skills più richieste nel 2021? Come apprenderle

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento