Tav Brescia-Verona, lavori partiti ma ancora nessuna soluzione per Ancap

La sede dell'azienda veronese si trova sul tracciato della nuova linea ad Alta Velocità e il suo processo di innovazione e sviluppo è da anni bloccato. Ed ora, il rischio è che possa chiudere

Sede Ancap (Foto Gmaps)

Lunedì, 5 ottobre, la cerimonia di Lonato del Garda, nel Bresciano, ha dato il via formale ai lavori della linea ferroviaria ad alta velocità tra Brescia e Verona. Erano presenti la ministra Paola De Micheli, assessori regionali di Lombardia e Veneto, gli amministratori dei comuni interessati dalla tratte, i vertici di Ferrovie dello Stato e del consorzio di imprese che realizzeranno materialmente l'opera. Una testimonianza dell'interesse pubblico che ruota attorno ad una Tav che non si fermerà a Verona. Infatti, i cittadini di San Martino Buon Albergo hanno già discusso con i tecnici i dettagli degli espropri necessari alla definizione anche della tratta che da Verona andrà Vicenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Come imprenditori e cittadini siamo consapevoli dell'importanza che le opere infrastrutturali come la Tav rivestono per la crescita economica del Paese. Ma sottolineiamo che questo progresso riguarda tutti e non deve lasciare indietro nessuno». Questo è stato il commento espresso dopo la cerimonia di lunedì dai rappresentanti di Ancap, azienda veronese che a causa della Tav si trova da anni bloccata nel processo di innovazione e sviluppo. Un'azienda che vede messa drammaticamente a rischio la propria stessa sopravvivenza, insieme al lavoro degli oltre cento dipendenti e alla sicurezza sociale delle loro famiglie.
«Da 17 anni - spiegano da Ancap - nonostante una delibera imponga di garantire continuità alla produzione, si sono susseguiti vincoli di esproprio che ci hanno impedito di investire per migliorare la struttura e gli impianti. Era stato deciso il trasferimento dell'azienda, una soluzione definita da tutti la sola praticabile. Poi però è stato prospettato di mantenere la sede attuale, una soluzione di comodo che non risolve ed anzi aggrava i problemi. E ormai da mesi la trattativa rimane bloccata, mentre le condizioni per operare si stanno progressivamente deteriorando. Chiediamo quindi alla politica, agli enti locali, alle imprese appaltatrici e a chi gestirà quest'opera, a chi ha a cuore l'occupazione e sente la responsabilità per il territorio, di intervenire prima che sia troppo tardi perché Ancap sia messa in condizione di avere ancora un futuro di crescita, di rinnovarsi e di competere. Lo chiediamo pacatamente, ma nella consapevolezza che non si può edificare il futuro dell’Italia su fondamenta così instabili e incerte. Rispettare gli accordi e curare le ferite rimaste aperte deve tornare a essere una priorità condivisa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal reparto Covid-19 di Borgo Trento: «Sappiamo cosa ci aspetta per i prossimi mesi»

  • Quanta acqua devo bere al giorno? Ecco quello che non sapevi

  • Usa foto di un 15enne morto per adescare 13enne. Scoperto da Le Iene

  • Neonato abbandonato a notte fonda sul ciglio della strada a Verona

  • Sono due trentenni in grave difficoltà economica i genitori del bimbo abbandonato a Verona

  • Rintracciati dai carabinieri di Verona i genitori del bambino abbandonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento