“Stop, Look, Wave”. Studenti educati in piazza alla sicurezza stradale

Erano presenti i rappresentati della Polizia municipale, Carabinieri, Polizia stradale, Vigili del Fuoco e Suem118, per mostrare ai bambini i sistemi di sicurezza e gli strumenti utili ad evitare le tragedie sulle strade

Il Pullman azzurro in piazza Brà nella mattinata di martedì

Sicurezza stradale e consapevolezza per i giovani. Si è tenuto martedì mattina a Verona, con un’area appositamente dedicata in piazza Bra, l’appuntamento formativo del progetto nazionale “Stop, Look, Wave”. Coinvolti nella tappa veronese oltre 250 studenti, dalle materne alle superiori, impegnati in un camping formativo sulla sicurezza stradale realizzato dai rappresentati della Polizia municipale, Carabinieri, Polizia stradale, Vigili del Fuoco e Suem118.
Al progetto, promosso in ambito nazionale da Volvo Trucks, con il supporto locale del Comune – Assessorato all’Istruzione, hanno aderito i ragazzi della scuola primaria Romagnoli e media Don Milani di San Massimo e della materna e superiore dell’Istituto San Giuseppe di Borgo Roma.

Grazie all’allestimento predisposto da Forze dell’Ordine e 118 e alla speciale partecipazione a Verona del Pullman Azzurro della Polizia di Stato, un’aula scolastica multimediale itinerante, è stato possibile per i ragazzi scoprire da vicino le tante attività e gli strumenti messi in campo ogni giorno per prevenire le più gravi tragedie che possono verificarsi su strada.

Incontro_forze_ordine_bambini-2

Inoltre, è stata data loro la possibilità di salire su una motrice e conoscere i più moderni sistemi di sicurezza sviluppati da Volvo Trucks, scoprendo anche le nuove tecnologie e l’innovazione che rivoluzionerà il settore della guida e dei trasporti in chiave di sicurezza attiva e passiva.

Presente all’apertura della giornata formativa il sindaco e l’amministratore delegato di Volvo Trucks Giovanni Dattoli.

“Un’interessante campagna di sensibilizzazione – sottolinea il sindaco – che, anche attraverso l’esposizione di mezzi e strumenti di consueto utilizzo da parte delle Forze dell’Ordine, punta ad accrescere l’educazione dei giovani sul delicato tema della sicurezza stradale. L’attenzione alla sicurezza deve diventare per tutti un’abitudine quotidiana, per questo, sono convinto che sia necessario parlare ai ragazzi in modo diretto, per trasferire loro quei concetti che li aiutino a diventare adulti maturi e responsabili”.

«Un messaggio fondamentale, da estendere al maggior numero di utenti possibile - ha dichiarato il Questore di Verona Ivana Petricca che, insieme al Prefetto, Donato Giovanni Cafagna, ha visitato lo spazio dedicato alla Polizia di Stato - un messaggio che deve raggiungere non solo gli adulti, ma anche i più piccoli, nell’ottica dell’educazione vera e propria, che è presupposto imprescindibile per garantire un’efficace opera di prevenzione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

16.04.2019 - Pullman Azzurro della Polizia di Stato2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attaccata sotto la sedia, nascondeva una scatola con quasi mezzo chilo di coca

  • Coronavirus: Verona segna ancora il peggior aumento di casi positivi totali in Veneto

  • Ancora un dramma sulle strade: motociclista muore dopo lo scontro con un cervo

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Quante persone posso invitare a pranzo o cena in casa mia secondo le norme in Veneto?

Torna su
VeronaSera è in caricamento