menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Street art per coprire le svastiche, la campagna del writer veronese Cibo

Guadagna sempre maggiore visibilità l'impegno preso dall'artista di abbellire i muri con le sue opere, andando così a cancellare orrendi segni e scritte nazifasciste

Guadagna sempre maggiore visibilità la campagna del writer veronese Cibo (nome d'arte di Pier Paolo Spinazzè) contro i simboli nazisti disegnati sui muri e più in generale contro tutte le scritte orrende che rendono più brutte le strade cittadine. Di lui si sono occupati giornali e riviste locali e nazionali e tutto questo risalto pare stia dando fastidio a chi ancora si diverte nel disegnare svastiche sui muri.

Street art fatta di dolci, frutta e verdura per coprire gli orrendi simboli del nazifascismo. Questo l'impegno che si è preso Cibo, anche se a volte si trova costretto a dover intervenire una seconda volta su una sua opera, sfregiata da qualche svastica.

L'ultimo intervento di Cibo è stato a Zevio ed è stato documentato anche da un video pubblicato sulla sua pagina Facebook.

I bontemponi mi hanno dato un assist per nuovi interventi e rendere Zevio ancora più bella - ha scritto Cibo sul social network - Non ho capito se era una minaccia, o un ringraziamento, ma era scritta male e allora l'ho fatta meglio. Ah, sì, mi chiamo Pier Paolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento