Stop alle bottiglie di plastica in Comune: distribuite borracce ai dipendenti

Si tratta di un gesto simbolico per sensibilizzare i cittadini sull'eliminazione della plastica, a favore di materiali più ecosostenibili: «Un gesto simbolico che non poteva partire che da Palazzo Barbieri», ha detto l'assessore Segala

Borracce di alluminio al posto delle bottiglie di plastica, che inquinano e sono dannose anche per la salute. Parte da palazzo Barbieri la campagna di sensibilizzazione per l’eliminazione della plastica.
Proprio venerdì mattina infatti sono state distribuite 500 borracce in alluminio, una a ciascun dipendente di palazzo Barbieri, compresi assessori e consiglieri comunali.
Un gesto simbolico, ma allo stesso tempo significativo e concreto, per invitare i cittadini a sostituire la plastica con materiali più ecosostenibili.

L’iniziativa, promossa da Comune e Acque Veronesi, si inserisce nella settimana per l’Educazione alla Sostenibilità promossa dall’UNESCO e dedicata al tema “Fuori dalla plastica”.
La plastica, materiale non biodegradabile, non si decompone mai del tutto e rimane nell’ambiente per sempre. Meglio quindi eliminarla, a partire dagli oggetti che usiamo ogni giorno.

«Un gesto simbolico che non poteva partire che da Palazzo Barbieri, che è il cuore della nostra città – ha detto l’assessore all’Ambiente Ilaria Segala -. L’auspicio è che i dipendenti non solo lo apprezzino, ma lo promuovano in famiglia e tra amici e conoscenti. Bene usare la borraccia al posto delle bottigliette di plastica, meglio ancora se le riempiamo con l’acqua del rubinetto, quella del sindaco».

In tema di acqua, il presidente di Acque Veronesi Roberto Mantovanelli, ha ricordato il progetto già avviato con l’Università che vede l’azienda impegnata nelle scuole elementari cittadine per educare i bambini all’importanza dell’idratazione, che incide anche sulle capacità cognitive.
Le scuole sono coinvolte anche nell’iniziativa “Fuori dalla plastica”, con la distribuzione delle borracce agli alunni.

«La plastica è tra i rifiuti più nocivi della nostra terra, e la sua dispersione nell’ambiente è una delle cause più importanti di inquinamento di fiumi, laghi e oceani - ha detto Mantovanelli -. Il nostro obiettivo è quello di promuovere la riduzione dell'utilizzo di bottiglie di plastica, informando la collettività sui potenziali rischi e offrendo così una valida alternativa ecosostenibile. Questa iniziativa, insieme ad una serie di campagne di sensibilizzazione ed eventi previsti dalla nostra società nei prossimi mesi, va proprio in questa direzione».

Sempre il 23 novembre, al Centro di Riuso Creativo all’Arsenale, 35 classi che aderiscono al progetto EASE – Scuola sostenibile, hanno svolto laboratori sul tema della plastica, con esempi di come eliminarla dal nostro quotidiano.

borracce1-2

Potrebbe interessarti

  • Da borgo Roma parte l'approccio multidisciplinare ai disturbi motori funzionali

  • Piscina interrata: ecco la guida che vi svelerà tempi e costi

  • Labbra sensuali e carnose: ecco i rimedi naturali per un super effetto volume

  • Smagliature addio: cause e rimedi per eliminarle

I più letti della settimana

  • Tragedia nel Veronese: muore dopo un incidente stradale in scooter

  • Spari e paura a Santa Lucia: 41enne in rianimazione, fermato un uomo

  • Cade dalla bici dopo essere arrivato al lavoro e muore davanti al padre

  • Poiano, uomo perde le vita in via Fincato nello scontro tra un'auto e una moto

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 14 al 16 giugno

  • Mamma dimentica le chiavi: bimbo di un solo anno resta chiuso in auto

Torna su
VeronaSera è in caricamento