Soldi dal Ministero delle politiche agricole per il Consorzio di Bonifica

Sono 20 milioni di euro e serviranno per lavori di ammodernamento degli impianti di Palazzolo di Sona, Prabiano di Villafranca di Verona e Ca' degli Oppi di Oppeano

La centrale di Sona del Consorzio di Bonifica Veronese (Foto - sito Cbv)

Il Ministero delle politiche agricole ha promosso a pieni voti il progetto del Consorzio di Bonifica Veronese per il potenziamento delle infrastrutture irrigue. Tradotto in cifre significa venti milioni di euro in arrivo per il territorio veronese. I fondi sono contenuti nel decreto ministeriale dello scorso 8 ottobre, in cui sono previsti per tutto il Veneto ben 160 milioni complessivi.

Il piano presentato dal Consorzio di Bonifica ha superato il vaglio della valutazione di merito, piazzandosi ai primi posti della graduatoria stilata dal Ministero. A fronte di 84 domande presentate, ne sono state dichiarate ammissibili 65 ma sono solo 19 quelle ammesse a finanziamento. «Questo finanziamento costituisce un traguardo di grande importanza per l’economia di un territorio a vocazione fortemente agricola come quello della provincia veronese», ha spiegato il direttore tecnico del consorzio Andrea De Antoni.

Il progetto comprende tre importanti interventi. La finalità è quella di razionalizzare le principali derivazioni irrigue dal fiume Adige, ammodernando i sistemi di adduzione irrigua. I tre interventi di conversione degli impianti saranno eseguiti a Palazzolo di Sona, a Prabiano di Villafranca di Verona e a Ca' degli Oppi di Oppeano.

Ovviamente quello ottenuto - ha aggiunto il presidente Antonio Tomezzoli - è solo il primo passo di un'azione complessiva che deve comprendere una revisione completa delle politiche di finanziamento delle opere irrigue sul territorio. Gli ultimi anni ci hanno insegnato che solo un'azione strutturale che rivoluzioni il sistema di gestione delle acque, con la creazione di invasi e la completa trasformazione dell'irrigazione da scorrimento a pressione, può permettere di affrontare le urgenze del territorio, dalle bombe d'acqua alla siccità sempre più presente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto "vola" su altre due vetture a Pescantina in un parcheggio: spunta l'ipotesi della rissa

  • Investito da un treno a Balconi di Pescantina: caos e disagi in stazione

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 ottobre 2019

  • Col furgone tampona mezzo pesante in A22, muore giovane veronese

  • Veronese violentata dopo una serata al Mascara, arrestato il branco

  • Volotea, due nuove rotte dal Catullo e l'offerta biglietti sfiora il milione

Torna su
VeronaSera è in caricamento