menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lo scheletro trovato nell'arcovolo dell'Arena

Lo scheletro trovato nell'arcovolo dell'Arena

Donna dei primi secoli dopo Cristo sepolta sotto un'arcovolo dell'Arena

Il soprintendente Tinè: «Non pensavamo di rinvenire livelli romani conservati in situ, riteniamo che questa sepoltura sia stata inserita in epoca Tardo Antica o Alto Medievale al massimo. Merita adeguata valorizzazione»

La prima e finora unica sepoltura rinvenuta all'interno dell'Arena. Un ritrovamento davvero eccezionale quello avvenuto nelle scorse ore nell'arcovolo 31 dell'anfiteatro scaligero, dove i lavori in corso hanno portato alla luce i resti di un corpo umano, perfettamente conservato e che sarà oggetto di un'importante valorizzazione. Le analisi che verranno effettuate nelle prossime settimane saranno in grado di fornire con precisione tutti gli elementi utili per ricostruire l'epoca in cui è avvenuta la sepoltura e i caratteri dell'individuo ritrovato. Tuttavia gli esperti della Soprintendenza sembrano non avere dubbi: si tratta del corpo di una donna, la cui posizione con le braccia conserte e poste leggermente sotto il petto è tipica delle sepolture. Pure l'epoca sembra abbastanza chiara, e si evince dalla profondità del ritrovamento, che rimanderebbe al periodo tardo antico, compreso tra il terzo e il sesto secolo dopo Cristo. Ma potrebbero esserci delle sorprese, come è successo per l'inaspettata scoperta, che ha lasciato a bocca aperta addetti ai lavori e non.

LA SCOPERTA

È avvenuta nell'ambito degli importanti lavori di restauro che si stanno realizzando all'interno dell'anfiteatro, con un cantiere articolato che prevede la riqualificazione completa degli arcovoli. Ed è all'arcovolo 31 che i ricercatori della Soprintendenza, al lavoro per il sopralluogo necessario al restauro, hanno trovato tracce di bruciatura tra le pareti. Si aspettavano di rinvenire i resti della fornace di un fabbro, come già accaduto durante altri scavi, invece si sono abbattuti su una sepoltura, sicuramente successiva al primo secolo dopo Cristo, epoca a cui risalgono i cocci rotti usati come selciato e spostati, più di 1.500 anni fa, per fare spazio alla sepoltura.

scheletro sepolto arena di verona sboarina zanotto tine-2
(Sboarina, Zanotto e Tinè sul luogo del ritrovamento)

LE ANALISI

Da oggi parte lo studio dettagliato dello scheletro che sarà estratto dall'arcovolo e portato in laboratorio per gli esami e le analisi specifiche. Verrà usato lo strumento del carbonio 14, il metodo più utilizzato per le datazioni in archeologia e che porterà a definire con precisione non solo l'epoca a cui risale il reperto, ma anche a definire i caratteri dello scheletro, dall'età alla corporatura, fino alle cause della morte. Tempo un mese e si avranno tutte le informazioni utili per conoscere meglio questa scoperta.

sboarina_zanotto_scheletro_arena_verona-2
(Sboarina e Zanotto guardano lo scheletro sepolto in Arena)

LA VALORIZZAZIONE

Proprio per la sua straordinarietà, si pensa già a come valorizzare questo ritrovamento e far sì che sia fruibile a cittadini e turisti. Il primo a volerlo vedere è stato il sindaco Federico Sboarina, che lo ha annunciato attraverso i social dopo essersi recato in sopralluogo insieme a all'assessore ai lavori pubblici Luca Zanotto, al soprintendente Vincenzo Tinè ed a Brunella Bruno e Irene Dori, rispettivamente archeologa e antropologa della Soprintendenza.
«Questo monumento non finirà mai di stupirci - ha detto il sindaco - Oggi ci ha regalato una grande emozione, è il primo reperto di questo tipo che in assoluto viene ritrovato all'interno dell'anfiteatro, una scoperta eccezionale e senza precedenti. Ho chiesto alla Soprintendenza di approfondire lo studio anche negli altri arcovoli, i dettagli della sepoltura fanno pensare che potrebbero essercene altre simili. Ora è il tempo delle analisi approfondite, dopodiché sarà valutata la modalità migliore per valorizzare questo reperto e la sua collocazione, che potrebbe arricchire il percorso museale all'interno dell'anfiteatro che prenderà forma alla fine del cantiere».
«In questa fase del cantiere sono in corso i lavori per gli allacciamenti ai quadri elettrici e i passaggi dei sottoservizi - ha spiegato Zanotto - Da qui la necessità si scavare su più punti, un lavoro che viene fatto con tecniche di precisione e rispettose del monumento e sei suoi materiali. La scoperta di oggi è inaspettata quanto bene accolta, rende l'Arena ancora più unica, un monumento davvero ricco di storia che abbiamo il dovere di conservare al meglio».
«È importante attirare l'attenzione di tutti di fronte a tale scoperta - ha aggiunto Tinè - In archeologia, ritrovare degli scheletri è sempre emozionante, farlo all'interno dell'Arena è qualcosa di unico e davvero eccezionale. Abbiamo già scavato delle sepolture all'interno dell'anfiteatro, ma mai in questa posizione, dentro un arcovolo cieco. Non pensavamo di rinvenire livelli romani conservati in situ, riteniamo che questa sepoltura sia stata inserita in epoca Tardo Antica o Alto Medievale al massimo, tanto che crediamo meriti adeguata valorizzazione».

sboarina_tine_scheletro_arena-2
(Sboarina e Tinè parlano vicino allo scheletro)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Palestra in casa: gli attrezzi immancabili

  • social

    Epilessia: come fare attività fisica in sicurezza

  • social

    Ristorazione: i trend 2021 secondo TheFork 

  • social

    Un pizzico di cocktail: nasce il nuovo programma dedicato a dessert e cocktail

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento