Senzatetto con problemi di salute: apertura prolungata per il centro di via Corbella

La nuova struttura di Cadidavid, nel Comune di Verona, resterà operativa fino al 30 aprile, per far fronte all'emergenza sanitaria in corso e offrire aiuto ai meno fortunati

Immagine di repertorio

Prosegue l’accoglienza delle persone in situazioni di grave disagio all’interno della nuova struttura di via Corbella, a Cadidavid, nel Comune di Verona. Fino al 30 aprile, il centro dedicato ai senzatetto con problemi di salute, oppure a persone che escono dall’ospedale e non hanno una casa, resta operativo. Non solo la notte, come dormitorio, ma anche durante il giorno per l’assistenza diurna e un adeguato supporto infermieristico. Un mese in più rispetto al previsto. Il servizio sperimentale, frutto del protocollo d’intesa tra Comune, Caritas e Pia Opera Ciccarelli firmato lo scorso novembre, doveva concludersi infatti a fine marzo.

Una collaborazione a tre, in cui il Comune ha reso disponibile l’immobile, sistemato e riqualificato, con 24 posti letto, suddivisi in piccole camere con bagno. L’ente locale, attraverso i servizi sociali, si è poi occupato di segnalare le persone che avevano diritto ad essere accolte. La Caritas con i suoi volontari ed educatori ha gestito l’accoglienza e le attività diurne. La Pia Opera Ciccarelli ha garantito il personale specializzato per la cura e l’assistenza. Gli ospiti della struttura sono tutte persone con gravi problemi di salute.

I 24 posti letto si aggiungono ai 229 predisposti per l’emergenza freddo negli altri dormitori cittadini, anche questi aperti fino a fine aprile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Quando mesi fa ho firmato la convenzione - dice il sindaco Federico Sboarina -, non immaginavamo certo che ci potesse essere un'emergenza di questo tipo. Il servizio reso dalla struttura di via Corbella è molto importante, soprattutto perché è rivolto a chi ha gravi problemi di salute e non ha un posto dove andare. A Verona non lasciamo indietro nessuno, a maggior ragione in questo periodo difficile».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Verona un nuovo decesso e altri 35 casi positivi: tutti i Comuni di appartenenza

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Elezioni regionali, suppletive e referendum costituzionale: seggi aperti in Veneto

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento