rotate-mobile
Attualità San Michele / Via Pietro Confortini

«Aumentati gli iscritti e valori tecnici importanti» per Mura Urban Trail

In più di mille hanno risposto al richiamo della corsa notturna per le mura dei Verona. Nella 30 chilometri maschile vince Francesco Lorenzi. Tra le donne vince Margherita Vitellozzi

Successo di presenze con oltre mille partecipanti sulle tre distanze per la Mura Urban Trail 2024, la corsa notturna inserita nel contesto del Mura Festival.

Due le gare competitive, la 16 e la 30 chilometri. Per non agonisti, invece, la 8 chilometri.
Sulla distanza massima, tra i podisti uomini è arrivata la vittoria di Francesco Lorenzi (Boscaini Runners) in 2 ore 19 minuti 48 secondi, seguito al secondo posto da Marco Bonfante (Xc Team Asd) in 2 ore 23 minuti 19 secondi e al terzo da Simone Rota (Pool Atletica Alta Valseriana) in 2 ore 30 minuto 11 secondi.
Nel femminile, ha bissato il successo della scorsa edizione Margherita Vitellozzi (Asd Team Km sport) che ha chiuso in 3 ore 30 minuti 17 secondi, seconda Claudia Santinelli (Atl. Cologno al Serio) in 3 ore 21 minuti 34 seconda, terza Sofia Moschi in 3 ore 21 minuti 53 secondi.

Mura Urban Trail 2024 podio maschile

Tema di quest’anno è stato l’invito a dare voce al proprio istinto, risvegliando l’animale totemico più affine alla propria indole per farsi guidare dalle sue caratteristiche peculiari e raggiungere il traguardo. Orso, farfalla, gatto, cervo, falco, cavallo, lupo, leone ed elefante: ogni animale rappresenta un insieme di qualità uniche e potenti, che si esprimono nell’animo degli sportivi in modi diversi. Ogni partecipante di questa edizione del Mura Urban Trail ha avuto la possibilità di attaccare al proprio pettorale un adesivo con il proprio animale totemico. E su questo tema è stata realizzata anche la medaglia, con tutti gli animali totemici.

Mura Urban Trail 2024 podio femminile

Nel pomeriggio di ieri, 8 giugno, prima della gara sono stati protagonisti all’Expo Village di San Bernardino i talk e la parte espositiva delle associazioni e delle realtà presenti. Si è partiti alle 17.30 con Livio Venturelli, per parlare de "La cura del corpo in preparazione alla gara", a seguire Fabio Orazi, posturologo, con "Canali postural method: la postura come metodo efficace contro i traumi a carico iterativo nella corsa". Presente anche Kleos, nuova palestra e centro sportivo di Verona nell'evento "Il punto di partenza per una preparazione sportiva performante". Ospiti, anche le Pink Ambassador Erika Diani e la dottoressa Annamaria Molino con il talk dal titolo: "L’importanza dello sport e della prevenzione".
Pink Ambassador sono donne che dopo avere affrontato un tumore tipicamente femminile hanno accettato la sfida lanciata da Fondazione Umberto Veronesi: allenarsi per arrivare a correre la distanza di una mezza maratona. E promuovono anche la raccolta fondi a favore della ricerca scientifica sui tumori femminili sostenuta da Fondazione Veronesi.

Novità di quest’anno è stata anche la collaborazione con la Ronda della Carità per un progetto sociale dedicato al riutilizzo e alla donazione di scarpe inutilizzate. In questo modo sono stati anche sensibilizzati i partecipanti al riutilizzo e alla sostenibilità, per dare nuova vita a un oggetto che spesso finisce in soffitta o viene cestinato.

Il Mura Urban Trail è stato promosso dal Comune di Verona e organizzato da Studioventisette e Verona Run Events, con il supporto di Forst NaturaSì, Uprent, Kleos, Gazebo Flash e Sol de Montalto. Pier Nicola Fazzini di Studioventisette ha commentato: «Mura Urban Trail dopo anni è ormai una solida realtà. Un’emozione incredibile, anche quest’anno, essere riusciti a portare tantissimi appassionati e runner agonisti a scoprire una Verona notturna su dei percorsi davvero suggestivi. Un evento sviluppato all’interno del progetto Mura Festival per valorizzare e sensibilizzare attraverso sport e sostenibilità le splendide Mura di Verona». E Stefano Stanzial, presidente di Veronamarathon, ha aggiunto: «Sono stati mesi di lavoro e preparazione importanti. Una scommessa vinta, che quest’anno ha visto incrementare gli iscritti mostrando anche valori tecnici importanti. Come sempre abbiamo messo in campo tutta la nostra esperienza di organizzatori ormai ventennali della maratona di Verona e della Romeo&Giulietta Run Half Marathon. Il nostro staff e i nostri più stretti collaboratori e volontari sabato hanno lavorato per circa 20 ore consecutive per allestire, preparare, gestire e infine nella notte disallestire percorsi e strutture. Ora, è il momento di ricaricare le pile e poi testa e cuore a novembre per la nuova edizione della Verona Run Marathon del prossimo 17 novembre».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Aumentati gli iscritti e valori tecnici importanti» per Mura Urban Trail

VeronaSera è in caricamento