Sabato, 23 Ottobre 2021
Attualità Stadio / Piazzale Olimpia

Disservizi durante le dirette delle partite. «Dazn rimborsi gli abbonati»

Anche il match tra Hellas Verona e Sassuolo non è stato visto in modo ottimale attraverso il servizio di video streaming online a pagamento. L'associazione Codici interviene per tutelare i consumatori danneggiati

Inizio non particolarmente felice per la trasmissione della Serie A da parte di Dazn. Anche la partita di esordio dell'Hellas Verona è stata segnata da alcuni disservizi che hanno fatto infuriare gli abbonati e su cui l'associazione Codici interviene per tutelare i consumatori danneggiati. «Sono mesi che si discute della nuova modalità di trasmissione delle partite del campionato di Serie A - ha dichiarato Ivano Giacomelli, segretario nazionale di Codici - E sono mesi che le associazioni dei consumatori evidenziano la necessità di garantire un servizio qualitativamente accettabile. Tutto questo perché lo streaming in Italia troppo spesso è sinonimo di disservizio. Purtroppo, per quanto riguarda Dazn, i timori della vigilia si sono rivelati fondati, come dimostrano le segnalazioni e le proteste degli abbonati che all'improvviso hanno visto interrompersi la diretta della partita, anche più volte nel corso della stessa. Ci auguriamo che Dazn risolva al più presto i problemi, considerando tra l'altro che i disservizi si sono registrati sabato e si sono ripetuti anche domenica. Naturalmente, ci aspettiamo che l’azienda rimborsi gli abbonati danneggiati e ci stiamo già muovendo in tal senso».

Codici sta raccogliendo le segnalazioni dei consumatori che hanno avuto problemi con la visione delle partite del campionato di Serie A trasmesse da Dazn, al fine di richiedere il rimborso per il disservizio patito. È possibile mettersi in contatto con l'associazione scrivendo all'indirizzo segreteria.sportello@codici.org oppure telefonando al numero 06.55.71.996.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disservizi durante le dirette delle partite. «Dazn rimborsi gli abbonati»

VeronaSera è in caricamento