Predire le forme più gravi di sclerosi multipla grazie ad una ricerca di Univr

Lo studio è stato condotto su alcune molecole, definite "maligne", che caratterizzano le manifestazioni più aggressive della malattia

(Foto di repertorio)

Predire le forme più gravi di sclerosi multipla, aiutando la diagnosi e personalizzando le cure. Sarà possibile ottenere tutto questo grazie ad una studio condotto dall'università di Verona su alcune molecole, definite "maligne", che caratterizzano le forme più aggressive della sclerosi multipla. Una ricerca che permetterà di adottare le terapie più efficaci, massimizzando così le possibilità di successo terapeutico.

La scoperta, confermata da uno studio durato 4 anni su 99 pazienti, è stata pubblicata sulla rivista Annals of Neurology dell'American Academy of Neurology ed è frutto del lavoro condotto dai ricercatori dell'ateneo scaligero, coordinati dal docente di neurologia Massimiliano Calabrese, in collaborazione, tra gli altri, con Roberta Magliozzi, prima firma della ricerca, e con Francesca Benedetta Pizzini e Stefania Montemezzi dei reparti di radiologia dell'azienda ospedaliera universitaria integrata. A rendere possibile il lavoro anche la collaborazione con Antonio Scalfari, dell'Imperial College di Londra, con l'Istituto superiore di sanità, con l'università di Padova e con il Centro sclerosi multipla di Brescia.

La ricerca, intitolata «Il profilo liquorale correlato al danno corticale predice l'attività futura della sclerosi multipla» si è sviluppata grazie a un nuovo protocollo di analisi molecolare del profilo liquorale combinato all'esecuzione di una risonanza magnetica ad alto campo, effettuata al momento della diagnosi di sclerosi multipla.
Lo studio ha seguito 99 pazienti affetti da sclerosi multipla per 4 anni per confermare l'ipotesi che la presenza di alcune molecole, già oggetto di pubblicazione da parte del team guidato da Calabrese nel 2018, caratterizzasse le forme più aggressive.

«Abbiamo prima identificato alcune molecole infiammatorie presenti nel liquido cerebro-spinale, prelevato normalmente per la diagnosi della malattia, dei pazienti affetti da sclerosi multipla con una forma aggressiva di malattia e quindi ad alto rischio di un rapido accumulo di disabilità - ha spiegato Calabrese - Grazie all'aiuto di Chiara Romualdi, docente di biologia molecolare all’università di Padova, e di Anna Isabella Pisani, dottoranda nell'ateneo scaligero, abbiamo creato un modello matematico che basandosi sulla presenza o assenza di queste molecole è stato in grado di predire con quasi il 90% di accuratezza l'attività della malattia e quindi l'accumulo di disabilità nei 4 anni successivi. L’accuratezza del nostro modello nel predire l’andamento della malattia conferma che le molecole identificate sono quelle corrette e ne apre la strada alla loro applicazione nella pratica clinica fin da subito. La scoperta consentirà, quindi, al neurologo di personalizzare la terapia, scegliendo quella più giusta fin dalla diagnosi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La sclerosi multipla è una malattia infiammatoria demielinizzante e neurodegenerativa che porta ad un danno progressivo a carico del sistema nervoso centrale. Nel mondo si contano circa 3 milioni di persone con sclerosi multipla, di cui 600.000 in Europa e circa 122.000 in Italia, con circa 3.400 nuovi casi ogni anno. In particolare, solo in Veneto si contano oltre 8.000 persone affette da sclerosi multipla: si stima che solo in questa regione, nel 2019, siano state fatte circa 300 nuove diagnosi. Nel 2019 il costo medio per persona con sclerosi multipla, a carico del sistema sanitario nazionale, si aggirava intorno ai 45mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • La fuga dopo la rapina diventa un incidente mortale: perde la vita una 29enne

  • Innamorata di un ragazzo, genitori non approvano e la tengono chiusa in casa

  • Maxievasione fiscale: sequestrati denaro e beni per 1,4 milioni di euro

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 25 al 27 settembre 2020

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento