rotate-mobile
Attualità Veronetta / Via Seminario

Una ricerca fa luce sui Cenomani, popolo celtico vissuto nel Veronese

«È il primo studio a tentare un'esplorazione dei collegamenti tra età, sesso, tradizioni funerarie e dieta in una comunità celtica e pre-romana in Italia», si legge nel sommario di una ricerca pubblicata su Plos One

«Il nostro studio è il primo a tentare un'esplorazione dei collegamenti tra età, sesso, tradizioni funerarie e dieta in una comunità celtica e pre-romana in Italia». Si legge questo nel sommario di una ricerca pubblicata su Plos One (qui disponibile in inglese) e realizzata da un gruppo di studiosi formato da Zita Laffranchi, Giuliana Cavalieri Manasse, Luciano Salzani e Marco Milella.

La ricerca si è concentrata sui reperti ritrovati in tombe scavate in provincia di Verona e attribuiti al popolo celtico dei Cenomani. Analizzando denti e ossa, questa ricerca avrebbe dimostrato che gli uomini e le donne di questa comunità avevano una dieta differente, ma questa sembrerebbe l'unica differenza di genere all'interno di un gruppo che sembra vivesse senza troppe distinzioni sia di tipo sessuale che di tipo sociale.
Altro dettaglio evidenziato è il livello di erosione delle ossa, risultato essere molto simile tra i vari reperti analizzati e tendialmente superiore rispetto a quello riscontrato in altre popolazioni dello stesso periodo. Questo potrebbe significare, ancora, le poche distinzioni di genere tra i Cenomani, ma anche un maggiore stress fisico per i bambini di questa comunità.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una ricerca fa luce sui Cenomani, popolo celtico vissuto nel Veronese

VeronaSera è in caricamento