Martedì, 16 Luglio 2024
Attualità Centro storico / Corso Porta Nuova

Restauro Porta Nuova, c'è la corsa degli sponsor: «Un successo. Ora tocca a Bmw»

Inizialmente avrebbero dovuto alternarsi ogni mese i nuovi sponsor tecnici finanziatori del progetto di restauro di Porta Nuova, ma dato il numero elevato di richieste dalle aziende desiderose di farsi pubblicità, da maggio i cartelloni verranno cambiati ogni 15 giorni

Da maggio gli sponsor su Porta Nuova raddoppiano. Non più uno ogni mese, come accaduto fino ad oggi, bensì ogni 15 giorni, con cartelloni posizionati su tre lati del monumento. Un cambio di programma motivato dall’importante richiamo che sta ottenendo il progetto, con sempre più aziende disposte a utilizzare Porta Nuova per farsi pubblicità. La tripla esposizione, infatti, garantisce un numero di visualizzazioni senza pari, più di 4 milioni ogni 30 giorni. Un boom certificato dai sensori conta traffico montati nelle vicinanze del monumento, perfezionati per ottenere dati precisi sui veicoli che transitano nella zona.

Fino al 15 maggio, quindi, il nuovo sponsor di Porta Nuova sarà l’azienda tedesca BMW, che ha scelto Verona per promuovere il lancio della nuova X7. «Abbiamo fatto bene ad inaugurare questa novità. - commenta l’assessore ai Lavori pubblici Luca Zanotto - Ne è prova il successo del progetto, con aziende nazionali e internazionali che fanno a gara per assicurarsi la visibilità sul monumento. Un’operazione vantaggiosa per il Comune, che può restaurare un bene storico-architettonico come Porta Nuova a costo zero. Siamo fiduciosi di poter replicare l’iniziativa, magari per riqualificare Porta Palio o Porta Vescovo».

Porta Nuova è il primo monumento pubblico ad essere riqualificato con la "sponsorizzazione tecnica", che permette il restauro completamente gratuito dell’opera, a costo zero per il Comune. Sono tre infatti i grandi cartelloni pubblicitari affissi sul retro del monumento e sui lati, per 410 metri quadrati di spazio ben visibile a cittadini e turisti, essendo Porta Nuova la principale via d’ingresso alla città.

Il costo complessivo dell’intervento, circa 1 milione di euro, è tutto a carico dell’ATI e comprende la progettazione e i lavori di restauro, dalla rimozione delle erbacce e delle sterpaglie presenti tra i muri e sul tetto, alla rimessa in pristino delle masse lapidee, dalla sigillatura al restauro conservativo, fino alla ripresa del colore naturale delle murature. Infine l’illuminazione, che giocherà un ruolo da protagonista nel restituire splendore al monumento. Affidate al maestro Mario Nanni, le luci, pur tenendo conto delle peculiarità specifiche di Porta Nuova, diventeranno elemento di design, con installazioni realizzate apposta per Verona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Restauro Porta Nuova, c'è la corsa degli sponsor: «Un successo. Ora tocca a Bmw»
VeronaSera è in caricamento