Consiglio comunale di Verona: «Nel 2019 approvati tanti temi importanti»

Da Palazzo Barbieri è arrivato il resoconto delle attività svolte nell'anno che si appresta a concludersi: «Un anno di grande attività che ha impegnato il Consiglio su diversi fronti»

Palazzo Barbieri

Variante 23, nuovo stadio, progetto ‘Ars district’ per recupero Arsenale e regolamento per la disciplina dell’armamento del corpo di Polizia locale di Verona. Sono queste alcune delle principali delibere approvate dal Consiglio nel corso del 2019, che l'amministrazione comunale in carica definisce un anno di grandi numeri per la produttività dell'aula consiliare, la quale ha portato all’approvazione di progetti ritenuti importanti dalla maggioranza di Palazzo Barbieri

Il resoconto dell'attività 2019, illustrato lunedì mattina dal presidente del Consiglio comunale Ciro Maschio, evidenzia che, rispetto al 2018, gli emendamenti presentati dai consiglieri sono quasi raddoppiati (1473 nel 2018 contro i 2558 nel 2019, di cui 1535 solo per la Variante 23), con un numero di sedute in crescita rispetto allo scorso anno (41 nel 2018 contro le 46 del 2019).

In calo, invece, interrogazioni, passate da 128 a 87, mozioni da 122 a 118 e ordini del giorno da 462 a 355. In crescita le ore complessive di durata delle sedute consiliari, passate dalle 117 del 2018 alle 140 di quest’anno. Le sette Commissioni consiliari permanenti e le tre temporanee, quest’anno, si sono riunite complessivamente 218 volte. La Conferenza dei capigruppo ha convocato i propri membri 60 volte e la presenza media dei consiglieri nelle sedute in sala Gozzi è stata del 92%.

Ciro maschio-3-2

«Un anno di grande attività – ha detto il presidente Ciro Maschio –, che ha impegnato il Consiglio su diversi fronti, per il raggiungimento di risultati importanti come l’approvazione della Variante 23 e della dichiarazione di pubblico interesse sul progetto del nuovo stadio. Temi urbanistici strategici per il futuro della città, su cui il Consiglio comunale, con quasi 30 ore in più di attività, ha confermato la propria centralità ed importanza, operando con la costante partecipazione dei suoi componenti ed il massimo rispetto di tutte le parti politiche presenti in aula. Strategico l’operato del Consiglio in merito al futuro di Amia, con l’approvazione a settembre della mozione per l’affidamento in house. Questo importante lavoro prosegue anche per il 2020; ci attendono, infatti, delibere di rilievo per il futuro di Agsm e per nuove varianti urbanistiche fondamentali per la crescita e lo sviluppo del sistema Verona».

Resoconto delle attività 2019

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

  • Regalo di Natale dal Governo per chi paga con bancomat e carte: cos'è il "cashback"?

  • Nuovi chiarimenti della Regione sull'ordinanza di Zaia: sì a camminate gruppi nordic walking

Torna su
VeronaSera è in caricamento