Ulss 9, misure di prevenzione per recarsi in ospedale e teleconsulenza urologica

L'azienda ospedaliera ha stilato un elenco di semplici regole per chi deve recarsi ad una visita e lanciato le consulenze a distanza in campo urologico, per tutte le persone che ne hanno bisogno

Immagine generica

Per contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, l’Azienda Ulss 9 Scaligera invita tutti i cittadini che accedono alle strutture ospedaliere a osservare le seguenti misure di prevenzione:

  1. In tutti i reparti di degenza l’accesso dei visitatori è limitato a una sola persona per paziente al giorno. La visita dovrà essere breve e il visitatore dovrà indossare una mascherina di protezione.
  2. Tutte le persone, in particolare gli anziani, sono invitate a non recarsi nelle strutture sanitarie e solamente per problematiche urgenti e non procrastinabili.
  3. In tutti i reparti di degenza l’accesso dei visitatori è vietato a persone con sintomi respiratori (raffreddore, tosse, mal di gola, febbre).
  4. Non sono consentite le visite ai pazienti in isolamento per COVID-19.
  5. Nelle sale d’attesa del Pronto Soccorso non possono sostare gli accompagnatori dei pazienti, salvo diverse specifiche disposizioni del personale sanitario.
  6. Tutte le persone che accedono in ospedale devono indossare una mascherina di protezione.
  7. Tutte le persone devono mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
  8. Per l’igiene delle mani nelle sale d’attesa sono messe a disposizione soluzioni disinfettanti.
  9. Tutte le persone sono tenute ad osservare tutte le misure di prevenzione igienico sanitarie raccomandate (vedi Decalogo del Ministero della Salute).

Per ulteriori informazioni in merito all’emergenza coronavirus sono attivi i numeri verdi dedicati: 1500; 800 462 340; 800 936 666. 

TELECONSULENZA UROLOGICA - In questo periodo, in cui ci sono misure restrittive per l’epidemia COVID-19 che hanno costretto buona parte della popolazione al proprio domicilio, L’Unità Operativa Complessa di Urologia dell’Azienda Ospedaliera Integrata di Verona - diretta dal prof. Alessandro Antonelli - ha pensato di mettere a disposizione di tutti i cittadini, specialisti nel campo urologico per consulenze a distanza.

Molte persone in questi mesi, infatti, hanno difficoltà ad affrontare problemi di salute non inerenti al coronavirus e proprio per questo motivo, c’è il rischio che ciò possa determinare un ritardo terapeutico o il ricorso a pareri non qualificati.

Per richiedere una consulenza urologica basta semplicemente inviare una email a: clinica.urologica@aovr.veneto.it. L’oggetto dell’email dovrà essere: “TELECONSULENZA UROLOGICA”.
Nel testo dovranno essere riportati i propri dati anagrafici (nome, cognome, età), un recapito telefonico e la descrizione della patologia. Vanno allegati eventuali visite o esami già effettuati.

Uno specialista risponderà ad ogni email e, se necessario, il cittadino sarà contattato telefonicamente per un colloquio o per fissare una visita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La "nuova" zona arancione: cosa cambia per il Veneto con l'ultimo Dpcm, tutte le regole 

  • Secondo il presidente dell'Ordine dei medici di Venezia il Veneto va «verso la zona rossa»

  • Speranza presenta il nuovo Dpcm: «Alle 18 nei bar stop asporto, musei aperti in zona gialla»

  • Covid-19, un grafico divide l'Italia in province: Verona indicata come "zona rossa"

  • Firmato il Dpcm: rivoluzione spostamenti, bar ed enoteche stop asporto dalle 18. Le novità

  • Drammatico incidente tra furgone e camion in A22: morto un 31enne di Lazise

Torna su
VeronaSera è in caricamento