menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La presentazione del Quarto Modulo

La presentazione del Quarto Modulo

Quadrante Europa potenziato, presentato il progetto del Quarto Modulo

Cinque binari per permettere alle merci di arrivare direttamente al terminal intermodale. L'opera sarà realizzata entro il 2026 quando sarà entrata in funzione la Galleria di Base del Brennero

Ieri, 23 settembre, è stato presentato il progetto di potenziamento infrastrutturale del Quadrante Europa. Attraverso la creazione del nuovo Quarto Modulo, ossia cinque binari lunghi 750 metri, le merci arriveranno direttamente al terminal intermodale. E per il Comune di Verona, l'opera rappresenta un importante tassello per la realizzazione del Central Park. «Il complesso puzzle per arrivare al Central Park si sta via via componendo - ha detto il sindaco Federico Sboarina - Con il Quarto Modulo si andrà a liberare interamente lo scalo di Porta Nuova, area che vedrà sorgere il più grande parco pubblico di Verona. Stiamo lavorando in sinergia con tutti i soggetti interessati affinchè vadano ad incastrarsi tutti i tasselli necessari alla realizzazione dell'opera. Solo qualche giorno fa, in municipio, si è riunito il primo tavolo tecnico che, entro il prossimo luglio, dovrà redigere masterplan e analisi di sostenibilità economica dell'opera. E prevederne quindi mobilità, fruibilità e sicurezza. Guardiamo con lungimiranza al futuro della città, e quindi anche a quello del nostro interporto, il più importante in Italia per volumi di traffico e il primo d’Europa per qualità del servizio. Un modello che si è evoluto e che ha fatto dei suoi sistemi altamente specializzati la porta d'accesso all'innovazione. E che ha permesso di consolidare il ruolo di Verona quale snodo est-ovest e nord-sud. Siamo al centro dei due più importanti corridoi viari e ferroviari europei, una centralità che vogliamo mantenere nel tempo per garantire la crescita economica di tutto il nostro territorio. Un investimento che crea sviluppo, di cui certamente trarrà beneficio l’intera comunità veronese».

Il potenziamento della stazione ferroviaria del Quadrante Europa troverà compimento entro il 2026 quando saranno attivati i nuovi binari e sarà entrata in funzione la Galleria di Base del Brennero. Un investimento di circa 59 milioni di euro, cofinanziato dall'Unione Europea nell'ambito del progetto Veneto Intermodal, presentato da un consorzio guidato da Consorzio Zai Interporto Quadrante Europa, con i partner Rete Ferroviaria Italiana, Regione Veneto e Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Settentrionale.

Nel 2018 sono transitate dal Quadrante Europa circa 28 milioni di tonnellate di merci, di cui 8 milioni via treno. Sono stati lavorati circa 16mila treni annui, con una media di quasi 60 treni al giorno.
L'Italia esporta il 70% delle proprie merci verso l'Europa e la maggior parte verso i paesi nordici e quindi anche e soprattutto attraverso il Brennero lungo il Corridoio Scandinavo-Mediterraneo, che è il principale asse di collegamento dell'Italia con il resto d'Europa. Il Brennero è il primo valico alpino, con un traffico maggiore della somma dei traffici dei valichi con la Francia e la Svizzera, e vi transita il 10,5% degli scambi commerciali totali Italiani.

quarto-modulo-quadrante-europa-de-berti-2
(L'intervento di Elisa De Berti alla presentazione del Quarto Modulo)

«Un intervento strategico che la Regione Veneto sostiene con convinzione - ha aggiunto l'assessore regionale alle infrastrutture e ai trasporti Elisa De Berti - Un progetto che connette il Veneto ai mercati nazionali e internazionali e che serve soprattutto a potenziare il trasporto sostenibile delle merci. L'allungamento dei moduli di linea permetterà, infatti, di trasportare una quantità maggiore di merci su ferro, sgravando da questo compito il trasporto su gomma. Il potenziamento dei nodi logistici è uno degli interventi strategici previsti anche nel Piano Regionale dei Trasporti. Un piano che guarda al sempre crescente valore dell'export per il Veneto, che nel 2018 ha raggiunto il massimo storico, superando i 63,3 miliardi di euro».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Non siete soli: lettera canzone dedicata agli studenti

  • social

    La Storia di Verona: da oggi in libreria e in edicola

  • Benessere

    Melograno: antiossidante e brucia grassi, ma non solo

  • social

    4 Maggio Star Wars Day

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento