rotate-mobile
Attualità Piazza Bra

Stesse regole anti-smog per i capoluoghi veneti, firmato il «Protocollo Aria»

È stato sottoscritto dagli assessori all'ambiente dei capoluoghi di provincia, tranne Venezia. Il prossimo inverno, le principali città della regione avranno identiche deroghe e limitazioni al traffico

Ieri mattina, 2 luglio, è stato sottoscritto a Treviso il «Protocollo Aria» tra tutti i capoluoghi di provincia veneti, tranne Venezia. L'intesa è stata firmata dagli assessori all'ambiente, ha una durata di quattro anni ed ha l'obiettivo di definire una strategia anti-smog condivisa tra le principali città della regione, in vista del prossimo inverno.

Segala_tavolo_Aria_assessori_ambiente-2
(Gli assessori all'ambiente prima della firma del Protocollo Aria)

Il «Protocollo Aria» introduce importanti novità ad esempio per i negozi, attraverso «Attenti alle porte», il progetto lanciato proprio da Verona e condiviso a livello regionale. Grazie a questa iniziativa, i titolari di negozi, uffici e locali sono invitati a tenere chiuse le porte d'entrata, sia in estate che in inverno, evitando così di far funzionare inutilmente gli impianti di riscaldamento o di aria condizionata. Gli esercizi che partecipano all’iniziativa saranno individuati da una speciale vetrofania, per cui è già stato lanciato un concorso di idee, che li identificherà come negozi virtuosi.
In più, in vista del prossimo 1 ottobre, gli assessori firmatari si sono impegnati a far approvare, ciascuno alla propria giunta, una ordinanza unica che preveda le stesse limitazioni e le stesse deroghe al traffico in tutti i capoluoghi veneti.
Infine, grazie al coordinamento della Regione, si punta ad allargare l'applicazione del «Protocollo Aria» anche ai comuni con meno di 30mila abitanti.

A margine della firma del «Protocollo Aria» è stato anticipato che, nei prossimi giorni, saranno presentati progetti e strategie per arrivare a realizzare un'olimpiade invernale green, ovvero una serie di iniziative e buone pratiche che permetteranno di organizzare una manifestazione davvero sostenibile e che interesseranno anche Verona, sede della cerimonia di chiusura dell'Olimpiade Invernale 2026.

Segala_firma_protocollo_aria-2
(La firma dell'assessore all'ambiente del Comune di Verona Ilaria Segala)

Verona fa scuola in materia ambientale - ha detto l'assessore all'ambiente del Comune di Verona Ilaria Segala - e lo dimostra il fatto che le nostre iniziative vengono adottate e condivise a livello regionale. La lotta allo smog è una battaglia che deve vedere allineate amministrazioni e cittadini. Come amministratori, ci siamo dati l’obiettivo di definire strategie comuni in tutte le città venete e, allo stesso tempo, abbiamo voluto coinvolgere i cittadini che devono essere i protagonisti di iniziative a favore della sostenibilità ambientale.

«Sono favorevole all'iniziativa - ha precisato l'assessore regionale all'ambiente Gianpaolo Bottacin - ma, per chiarezza, è necessario spiegare cosa prevede la normativa vigente in materia approvata dal consiglio regionale. Il Piano Aria è molto chiaro circa le competenze. Esiste un comitato di indirizzo e sorveglianza in ambito regionale e dei tavoli tecnici zonali che, in ambito provinciale, devono coordinare le azioni anche nei comuni limitrofi. Quindi, ben vengano questi accordi, ma nel rispetto dei ruoli stabiliti da normativa».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stesse regole anti-smog per i capoluoghi veneti, firmato il «Protocollo Aria»

VeronaSera è in caricamento