Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Protesta social contro il Congresso delle Famiglie, #manonellamano

A lanciarla è il consigliere comunale del Partito Democratico di Verona Federico Benini

 

È dovere di tutti opporsi al Congresso Mondiale delle Famiglie, un convegno sessista e omofobo.

Il consigliere comunale del Partito Democratico di Verona Federico Benini ha lanciato con un video l'operazione #manonellamano, una manifestazione di protesta via social network contro il Congresso Mondiale delle Famiglie, l'evento che si terrà a Verona dal 29 al 31 marzo e attorno al quale si sono create numerose polemiche. «È legittimo che il sindaco di Verona Federico Sboarina e il ministro Lorenzo Fontana esprimano le proprie idee medievali e oscurantiste contro l'interruzione volontaria di gravidanza, contro il divorzio, contro l'emancipazione femminile e contro le unioni civili - scrive Benini - Altrettanto doveroso, però, è che i cittadini e le cittadine democratiche si oppongano a questa visione repressiva delle libertà civili e delle conquiste sociali che minaccia direttamente la libertà delle donne e la libertà di amare facendo fare alla società veronese e italiana un salto indietro di due secoli».

L'interno di Benini è quello di dimostrare «che Verona non è omofoba e sessista». E la modalità scelta è quella di indossare una maglietta bianca con il disegno di due uomini che si tengono per mano. «Invito tutti a seguirmi - conclude Benini - Prendete un lenzuolo, una maglietta bianca, un asciugamano. Quello che volete. Con un indelebile nero, fate il mio stesso disegno e appendetelo sul vostro davanzale, oppure indossate le magliette per strada. Facciamoci vedere. Fatevi foto e video e condividetelo usando l'hashtag #manonellamano».

Simile all'opinione di Benini, quella espressa dal Movimento Scaligero-Città Stato d'Europa, che non vuole censurare l'evento. «Riteniamo giusto che Sboarina e Fontana possano esprimere in tale contesto le proprie idee integraliste cattoliche - scrive Andrea Nardi per il Movimento Scaligero - ma non a nome del Comune di Verona e dello Stato Italiano. Chiediamo al sindaco Sboarina e al ministro Fontana di parlare solo a titolo personale e di adoperarsi per togliere i patrocini a questo evento».

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento