rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Attualità Centro storico / Piazza Bra

In Piazza Bra protesta pro-aperture. «Unico vaccino per le aziende è il lavoro»

La manifestazione è stata organizzata dal Movimento Imprese Ospitalità (Mio) e dalla Corporazione degli esercenti del centro storico di Verona

«L'unico vaccino che le nostre aziende hanno per non morire è il lavoro». Con queste e altre parole Paolo Bianchini è intervenuto questo pomeriggio, 2 aprile, in Piazza Bra a Verona. Bianchini è il leader di Mio (Movimento Imprese Ospitalità), il movimento che ha organizzato la manifestazione iniziata intorno alle 15 e conclusa verso le 18. Una manifestazione organizzata insieme alla Corporazione degli esercenti del centro storico di Verona e che ha richiamato centinaia di piccoli imprenditori, artigiani, commercianti e lavoratori, i quali vedono le loro attività fortemente limitate dal coronavirus.
Bianchini ha confermato per il 6 aprile una nuova manifestazione nazionale a Roma e poi dal 7 aprile il movimento Mio chiede di aprire per protesta quelle attività che attualmente devono rimanere chiuse per limitare le possibili occasioni di trasmissione del virus. «Abbiamo deciso di aprire il 7 aprile e ci hanno accusato di essere cospirazionisti o di essere negazionisti del Covid - ha dichiarato il leader di Mio - Noi non lo neghiamo e io sono stato 21 giorni isolato in casa perché contagiato. Però la vita deve continuare».

E solidarietà ai manifestanti è stata espressa dal consigliere regionale veronese Stefano Valdegamberi, il quale ha proposto anche di diminuire le bollette elettriche alle attività commerciali. «Bollette che sono più care a Verona del resto dell'Italia, per colpa degli oneri di Megareti», ha spiegato Valdegamberi.

Piena solidarietá alle categorie più colpite dalla crisi economica e dalle restrizioni imposte dall'emergenza sanitaria, anche dal movimento civico veronese Traguardi, il quale però chiede «cautela e buonsenso» sulle riaperture, oltre ad «una forte accelerata alla campagna di vaccinazioni e provvedimenti basati sui dati scientifici che indichino contagi e luoghi a rischio».

Mentre un'insieme di associazioni veronesi di sinistra (Infospazio161, Rifondazione Comunista, Circolo Pink Lgbt Verona, Potere al Popolo e Rete 17 dicembre) ha messo in guardia i manifestanti da pericolose strumentalizzazioni politiche ed ha ricordato che «anche tutto il mondo inerente l’associazionismo sociale e la cultura (compresa la scuola) hanno subito e ancora subiscono chiusure impattanti sulla società. Riteniamo però che la soluzione non sia l'apertura indiscriminata, che metterebbe a rischio la loro stessa salute, ma una maggiore tutela delle stesse maestranze. Riteniamo che la salvaguardia della salute pubblica abbia sempre la priorità sulle ragioni economiche».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Piazza Bra protesta pro-aperture. «Unico vaccino per le aziende è il lavoro»

VeronaSera è in caricamento