Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Attualità Cologna Veneta / Via Groppeale

Rientro in aula: un progetto va in aiuto dei ragazzi preoccupati dalla pandemia

L'associazione di promozione sociale di Cologna Veneta Vera Vita, lancia l'iniziativa “Chi ha paura della scuola?” a sostegno degli studenti: un percorso volto al superamento dei problemi dovuti a restrizioni e didattica a distanza

“Chi ha paura della scuola?”. Questo è il nome di un progetto che ha avviato Vera Vita, associazione di promozione sociale di Cologna Veneta, per accompagnare i ragazzi al rientro in aula senza le preoccupazioni ingenerate dalla pandemia.

Vera Vita, che non ha quasi mai cessato, neanche nei mesi del lockdown, la sua attività di aiuto allo studio per bambini e ragazzi con disturbi specifici dell'apprendimento (Dsa, Adhd e sindrome di Tourette) né quelle di psicomotricità individuale, ha iniziato a promuovere nuove iniziative, pur nel rispetto delle regole di sicurezza che sono tuttora in vigore a causa dello stato di emergenza dovuto alla presenza del coronavirus. Certo non è possibile tornare a programmare i percorsi di approfondimento su temi sanitari e sociali degli anni scorsi, né le iniziative di formazione e socializzazione che avevano contrassegnato in passato l'attività dell'associazione, però ora Vera Vita, che costituisce un punto di riferimento per molte famiglie, intende dare un segnale di ottimismo.

Grazie anche al supporto di Fondazione Cariverona, la quale sta sostenendo l'associazione per la programmazione di una serie di attività e l'acquisto di strumentazioni e mobilio, il sodalizio colognese ha messo in piedi due iniziative a favore dei bambini ed i ragazzi che si preparano a rientrare in classe, dopo un anno particolarmente difficile, nel quale mesi di didattica a distanza hanno finito per lasciare pesanti segni. Soprattutto in chi già aveva bisogno di sostegno nel seguire l'attività scolastica.

Dal punto di vista dell'aiuto allo studio il progetto Study Up, che viene realizzato in cooperazione con Cpl Servizi di San Bonifacio e prevede la presenza di un gruppo di psicologhe ed educatrici specializzate coordinate da Silvia Dal Bosco, ora ha iniziato a lavorare sul recupero di nozioni ed abilità e l'avvio di attività propedeutiche alla ripresa delle lezioni. Attualmente sono oltre 25 gli studenti che frequentano l'associazione, che ha sede in via Groppeale, per questa attività e molti di loro non hanno quasi sospeso il lavoro nei mesi estivi. A questo si aggiunge un progetto di potenziamento dei prerequisiti scolastici che viene effettuato dalla logopedista Jessica Visentin e dal psicomotricista Tommaso Lavagnoli. Quest'ultimo nell'ultimo anno, nonostante le ovvie difficoltà dovute al momento, ha seguito più di 50 bambini e ragazzi. Magic School, questo è il nome della nuova iniziativa, è rivolto ai bambini ed è volto a migliorare le abilità linguistiche, logiche, grafiche, motorie ed esecutive partendo da attività divertenti.

Informazioni e modalità di adesione si trovano sul sito Internet e la pagina Facebook dell'associazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rientro in aula: un progetto va in aiuto dei ragazzi preoccupati dalla pandemia

VeronaSera è in caricamento