Verona traccia una nuova via d'uscita dal mondo della prostituzione

Il progetto si chiama «Passo dopo passo verso la libertà» e vede la collaborazione di alcuni vescovi del Triveneto, di associazioni e cooperative del territorio per un percorso di liberazione e riscatto per le vittime dello sfruttamento

Foto di repertorio

Il seme è stato gettato poco più di un anno fa, il progetto è partito lo scorso aprile ed ha già prodotto i primi quattro frutti, le cui storie sono state raccontate recentemente. Storie di donne aiutate nel mettersi alle spalle un passato di prostituzione e di sfruttamento e nel costruirsi un presente ed un futuro libero ed autonomo. Il tutto grazie al progetto «Passo dopo passo verso la libertà», presentato in una conferenza organizzata dall'associazione-comunità Papa Giovanni XXIII.

L'ideazione del progetto ha una data: 8 febbraio 2019. In occasione della veglia che si è tenuta al tempio Votivo di Verona per la Giornata internazionale di preghiera contro la tratta degli esseri umani, alcuni vescovi del Triveneto hanno unito le forze con associazioni e cooperative del territorio per realizzare un percorso di liberazione e riscatto sociale in favore delle giovani donne vittime del racket della prostituzione.

Il modello di intervento ha preso questo nome: «Passo dopo passo verso la libertà» ed è stato pensato di durata biennale. Il progetto è ufficialmente partito nell'aprile 2019 e in questo primo anno si è posto come obiettivo anche la messa a punto di soluzioni che lo possano rendere più grande e più duraturo nel tempo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Passo dopo passo verso la libertà» è un insieme di servizi in grado di aiutare una donna nel suo percorso di uscita dal mondo della prostituzione. Finora, le donne aiutate sono state quattro e la loro età è compresa tra i 18 e i 29 anni. A loro è stato offerto un percorso di formazione, perché in alcuni casi le vittime della tratta degli esseri umani sono semi- o del tutto analfabete. Grazie alla cooperativa Progetto Quid, è stato possibile dare loro un'occupazione, mentre l'Opera Famiglia Canossiana si è occupata del reperimento di un alloggio e della costruzione di una rete di relazioni di supporto, anche grazie all'aiuto della Nigerian Women Association. Il supporto economico, infine, è stato garantito dai vescovi di Verona, Trento, Bolzano e dal Patriarca di Venezia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Verona un nuovo decesso e altri 35 casi positivi: tutti i Comuni di appartenenza

  • Nel Veronese sono 29 i nuovi casi positivi e 1.808 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

  • Due classi chiuse per casi positivi al virus nel Veronese: «Rispettate le precauzioni»

  • Elezioni regionali, suppletive e referendum costituzionale: seggi aperti in Veneto

  • Picchiata dal marito: luna di miele da incubo per una sposa veronese

  • Nuovi 40 casi positivi al virus nel Veronese e 1.987 gli isolati: tutti i Comuni di riferimento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento