rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Attualità Legnago / Via Carlo Gianella

Realizzato al Mater Salutis primo prelievo di organi con espianto di polmoni

Dal corpo di un 50enne deceduto prematuramente sono stati prelevati anche fegato e reni, attraverso un'operazione durata un giorno interno

Quella del 19 gennaio scorso è stata una giornata storica per l'ospedale Mater Salutis di Legnago e non per il Covid. Anzi, il fatto che l'emergenza coronavirus insista ancora rende ancora più memorabile ciò che è stato compiuto dalla squadra di medici ed infermieri della dottoressa Alessandra Da Ros, la dirigente che coordina i trapianti nella struttura dell'Ulss 9 Scaligera. Grazie a un intervento durato un giorno interno, è stato possibile espiantare dal corpo di un 50enne deceduto prematuramente una serie di organi che sono stati donati a pazienti in attesa. Sono stati prelevati il fegato, i reni ed i due polmoni. E si è trattato del primo espianto multiplo di organi che ha incluso i polmoni, i quali finora non erano mai stati prelevati al Mater Salutis di Legnago.
Dopo l'espianto, gli organi sono stati trasportati rapidamente tra Verona, Padova e Milano, dove sono avvenuti i trapianti che pare siano riusciti. Un lavoro di squadra durato circa un giorno e mezzo, tra operazione e consegne, in cui tutte le unità interessate hanno lavorato efficacemente ed in sinergia, dagli operatori che hanno realizzato gli esami propedeutici all'operazione fino ai chirurghi e ai fattorini. Tutti insieme hanno permesso che un gesto di grandissima generosità potesse accendere nuove speranze.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Realizzato al Mater Salutis primo prelievo di organi con espianto di polmoni

VeronaSera è in caricamento