Giovedì, 21 Ottobre 2021
Attualità

Polizia locale di Verona: in tre anni il trasferimento alla Caserma Rossani

Sarebbe pronto il passaggio della caserma al Comune di Verona. «Con la firma dell’accordo attuativo scatterà il cronoprogramma lavori, funzionali al trasferimento del compendio», ha detto il sindaco Federico Sboarina

Il Comune di Verona ha annunciato la soluzione definitiva per il nuovo Comando della Polizia locale: sarebbe pronto l’accordo attuativo che renderà finalmente possibile il trasferimento della caserma Rossani a Palazzo Barbieri e quindi il cambio di destinazione. L’operazione, infatti, porterà ad un avvicendamento atteso da anni e che richiede l’avvio di cantieri di lavori pubblici. Gli agenti lasceranno l’immobile di via del Pontiere trovando nuova sede alla Rossani in via del Minatore, vicino a piazza Cittadella, mentre i 200 militari del Comfoter di Supporto si sposteranno alla caserma Dalla Bona, in piazzetta Santo Spirito (zona Valverde).

Un contratto vero e proprio quello che sigleranno la prossima settimana Ministero della Difesa, Comune di Verona e Agenzia del Demanio. E che sostituirà il protocollo d’intesa firmato nel 2015 dalla precedente Amministrazione, una semplice dichiarazione di intenti non vincolante, che secondo l'attuale maggioranza sarebbe risultata nei fatti irrealizzabile in quanto la caserma Pianell, dove doveva essere ricollocato l’Esercito, non poteva essere adeguata alle norme antisismiche.

Il cronoprogramma di circa tre anni prevede che il Comune, quale stazione appaltante, dia il via immediato alla progettazione, restauro e adeguamento della caserma Dalla Bona, un intervento da 3 milioni e mezzo di euro. Al termine della rilocazione delle funzioni militari, il Comune acquisirà la proprietà della caserma Rossani dal Demanio e potrà procedere con il trasferimento della Polizia locale. Parallelamente, il contratto prevede una seconda azione, che consiste nell'iter di valorizzazione urbanistica di un secondo sito militare, la caserma Trainotti di via XX Settembre.

Giovedì mattina, in diretta streaming, il sindaco Federico Sboarina e l’assessore ai Lavori pubblici Luca Zanotto hanno spiegato le fasi che porteranno all’avvicendamento. Un lavoro a 360 gradi che ha coinvolto anche gli uffici comunali del Patrimonio e dell’Urbanistica in numerosi incontri del Tavolo tecnico per arrivare alla soluzione definitiva.

Caserma Rossani ha una superficie totale di 5.948 metri quadri, suddivisa in 4 piani, che diventano 7.577 metri quadri considerando tutte le parti coperte, oltre a 2 mila metri quadri di cortile.

«Dalle ceneri di un protocollo irrealizzabile, abbiamo trovato la soluzione definitiva e daremo il via all’operazione che finalmente porterà la nostra Polizia locale alla caserma Rossani – ha detto il sindaco -. Un avvicendamento storico, atteso da tantissimo tempo, che trova definitiva concretezza. Con la firma dell’accordo attuativo scatterà il cronoprogramma lavori, funzionali al trasferimento del compendio al Comune. Una lunga vicenda per la quale ora mettiamo nero su bianco accorti, tempistiche e modalità».

«La caserma Rossani è in ottimo stato – ha affermato Zanotto -, eventualmente saranno necessari solo degli interventi funzionali in base alle necessità dei nostri agenti. Il contratto prevede che il Comune sia stazione appaltante per lavori da tre milioni di euro per la caserma Dalla Bona. Alla Rossani l’obiettivo è di trasferire anche la Centrale operativa della Mobilità e Traffico, in modo che sia a pochi metri dal Comando della Polizia locale vista la grande collaborazione e il lavoro sinergico. Il tutto per ottimizzare il servizio reso alla cittadinanza».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia locale di Verona: in tre anni il trasferimento alla Caserma Rossani

VeronaSera è in caricamento