Attualità Veronetta / Via Campofiore

«Donazzan calunnia e non risponde alle richieste dei rappresentanti degli studenti»

Screzi durante il Comitato regionale di coordinamento delle università del Veneto. Deborah Fruner di Udu Verona: «Ha inventato di sana pianta il fatto che lei sarebbe stata addirittura minacciata di morte da noi»

Screzi tra i rappresentanti degli studenti e l'assessore all'istruzione della Regione Veneto Elena Donazzan nell'ultima riunione del Comitato regionale di coordinamento delle università del Veneto. «Davanti ai rettori e alle rettrici, Donazzan ha dichiarato serenamente che lei non ha nessuna voglia di dare risposte di alcun tipo alle richieste delle rappresentanze studentesche - ha riferito Deborah Fruner, coordinatrice Udu Verona - Ed ha inventato di sana pianta il fatto che lei sarebbe stata addirittura minacciata di morte da noi. Di conseguenza con noi non ci vuole parlare».

Il tavolo è stato istituito per avere un confronto sulla ripartenza delle università. Confronto che l'assessore Donazzan non ha voluto avere con gli studenti, i quali denunciano: «Ci ha calunniato davanti ai rettori del Veneto e non ha risposto a nessuna delle nostre richieste». Richieste tra cui figurava anche la questione trasporti, che l'assessore regionale non ha voluto affrontare perché non di sua competenza.
«Non ci lascia sorpresi il perdurante comportamento di Donazzan nell'ignorare completamente le istanze delle organizzazioni studentesche più rappresentative della Regione - ha commentato Marco Nimis, della Rete degli Studenti Medi del Veneto - La cosa che non riusciamo a spiegarci è come faccia il presidente Luca Zaia a sopportarla, visto che altre volte lo ha messo in imbarazzo con uscite fasciste che hanno messo in cattiva luce la giunta regionale. E adesso, in un contesto istituzionale e formale, si è ridotta ad inventarsi la frottola che gli studenti dell'Unione degli Universitari e della Rete degli Studenti Medi l'avrebbero minacciata di morte. Donazzan è più impegnata a trovare visibilità con sparate folkloristiche piuttosto che dare risposte a cittadini e studenti. Chiederemo un incontro al presidente Zaia se necessario. E se non otterremo risposta ci presenteremo in massa a Palazzo Balbi».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Donazzan calunnia e non risponde alle richieste dei rappresentanti degli studenti»

VeronaSera è in caricamento