Plasma iperimmune: l'Ulss 9 chiede ai guariti dal Covid-19 di donare

Un appello veicolato già nella scorsa primavera nel pieno della “prima ondata” dell’emergenza: «L’occasione è propizia per ringraziare nuovamente tutti quelli che stanno aderendo alla donazione e alla campagna di sensibilizzazione»

 

L’Azienda Ulss 9 Scaligera rinnova l’invito alle persone guarite dal Covid-19 a donare il proprio sangue a favore della “Banca del Plasma” della Regione Veneto. Un appello, quello alla donazione del plasma iperimmune in grado di inibire l’infezione in soggetti malati, veicolato dall'Ulss 9 già nella scorsa primavera nel pieno della “prima ondata” dell’emergenza Covid-19 e sostenuto da tanti “supporter” famosi del mondo della cultura, dello sport e dello spettacolo che hanno prestato, in amicizia, la propria immagine a sostegno della campagna di sensibilizzazione #donailtuoplasma realizzata dall’ULSS 9: Gerry Calà, Red Canzian, Giobbe Covatta, Roberto Dalla Vecchia, Piero Fanna, Paola Pezzo, Marina Salamon, Sara Simeoni, Gian Antonio Stella, Damiano Tommasi e Mons. Giuseppe Zenti. Un invito rilanciato in questi giorni anche dall'Assessore alla Sanità e Sociale della Regione Veneto, Manuela Lanzarin, sulla propria Facebook. «L’occasione – commenta il Direttore Generale dell’Ulss 9, Pietro Girardi - è propizia per ringraziare nuovamente tutti quelli che stanno aderendo alla donazione e alla campagna di sensibilizzazione».

Prima della donazione è necessaria un’attenta valutazione del donatore, del suo stato clinico e dei suoi esami di laboratorio. Possono donare tutti coloro che abbiano un'età compresa tra i 18 anni e 60 anni e risultino idonei ai normali criteri di idoneità per il donatore di sangue ed emocomponenti, che siano risultati positivi al virus Sars-CoV-2 e abbiano manifestato sintomi correlati alla malattia e che abbiano poi eseguito almeno un tampone molecolare con risultato negativo dopo almeno 10 giorni dalla comparsa dei sintomi e dopo almeno 3 giorni senza sintomi. Inoltre, è idoneo alla donazione solo chi ha contratto il Covid-19 di recente, in quanto l’immunità del sangue decade dopo alcune settimane. Sono esclusi dalla donazione donne in gravidanza, uomini e donne che abbiano ricevuto precedenti trasfusioni e pazienti affetti anche in passato da patologie neoplastiche.

Strutture Trasfusionali della provincia di Verona:

Ospedale di Verona Borgo Trento: tel. 045/8122150, lun-ven, dalle 8 alle 13.

Ospedale di Verona Borgo Roma: tel. 045/8122150, lun-ven, 8 alle 13.

Ospedale di San Bonifacio: tel. 045/6138466, lun-ven, dalle 8 alle 13.

Ospedale di Bussolengo: tel. 045/6712256, lun-ven, dalle 8 alle 13.

Ospedale di Legnago: tel. 0442/622535, lun-ven, dalle 12 alle 13.

Ospedale di Negrar: tel. 045/6013032, lun-ven, dalle 8 alle 11. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento