Online il modulo per richiedere piante gratis dedicato ai cittadini di Verona

È entrato nella fase due il progetto ‘Ridiamo un sorriso alla Pianura Padana’. Considerano il totale dei vegetali a disposizione, sono circa 1300 le richieste che potranno essere soddisfatte in questa prima ‘donazione’

Alcune delle piante pronte ad essere donate

Da oggi è disponibile sul sito del Comune il modulo per richiedere alberi o essenze arboree da piantumare in giardini, terrazzi o balconi privati nel territorio di Verona.

Grazie infatti alle donazioni effettuate in questi mesi da privati e enti pubblici, per una somma di 14 mila euro, il progetto ‘Ridiamo un sorriso alla Pianura Padana’ entra nella fase due, con i veronesi che possono fare richiesta dell’albero di cui si impegnano ad avere cura.

Circa 1300 le domande che potranno essere soddisfatte in questa prima ‘donazione’, in considerazione del totale delle piante a disposizione. Un numero che comprende sia quelle acquistate grazie alle offerte ma anche quelle messe a disposizione dal Reparto Carabinieri Biodiversità di Peri, 500 esemplari di vario genere tra piante e arbusti.

Già da domani gli uffici del settore Ambiente cominceranno a raccogliere ed esaminare le domande, in cui dovrà essere specificato il luogo dove piantumare le piante (terrazza o giardino privato). La scelta degli alberi o degli arbusti deve essere fatta in base agli spazi che ciascun richiedente ha a disposizione. Per ogni tipologia, sono messe a disposizione piante autoctone e con maggiori proprietà antismog. I cittadini saranno quindi contattati e informati su luogo e data in cui verrà consegnata la pianta. In quell’occasione verrà anche effettuata una breve formazione gratuita rispetto alle modalità di cura degli alberi.

La città ha risposto positivamente alla prima fase del progetto. Lo confermano le donazioni pervenute da parte di aziende private ma anche enti pubblici, che hanno aderito all’iniziativa condividendone gli obiettivi, tra cui creare una nuova sensibilità sull’importanza del verde in città, creando un senso civico a vantaggio dell’ambiente e dell’aria che respiriamo.

Tra i privati, le Acciaierie Pittini in Lungadige Galtarossa e Adigeo; per gli enti pubblici Atv, Verona Fiera, Amt, Centro Biodiversità dei Carabinieri di Peri, Federazione Provinciale Coldiretti.

Alle serre comunali, nella rondella di San Giorgio, le piante sono pronte per la consegna. Proprio qui, mercoledì mattina, gli assessori all’Ambiente Ilaria Segala e ai Giardini Marco Padovani hanno annunciato l’avvio della fase operativa del progetto e le modalità di partecipazione.
Erano presenti anche il maggiore Vincenzo Andriani del Reparto Carabinieri Biodiversità di Peri e Marcello Leali per le Acciaierie Pittini, azienda attenta alle azioni a favore dell’ecosistema.

La conferenza alle serre comunali-2

«Un grazie a tutti coloro che hanno accettato di condividere questa visione del nostro territorio e che hanno deciso di aderire in modo concreto al progetto – afferma l’assessore Segala -. Senza la generosità dei donatori oggi non saremmo qui, ora tocca ai cittadini fare la propria parte. Siamo convinti che renderli responsabili e consapevoli sia la strada giusta, perché chi si dedica ad un albero avrà maggiore attenzione per l’ambiente. L’iniziativa non si esaurisce qui – aggiunge l’assessore -, l’intenzione è raccogliere ancora donazioni per piantumare più alberi possibili in giardini e aree private. Un modo concreto, a costo zero per i veronesi, di contrastare il problema delle polveri sottili presente su tutta la Pianura Padana».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Un progetto innovativo che dimostra l’attenzione dell’Amministrazione in tema di verde – dice Padovani -, e che ribadisce il concetto che le piante devono essere piantate nel posto giusto. Non a caso i cittadini riceveranno solo specie autoctone e con caratteristiche antismog, alberi che possono crescere e vivere a lungo nel nostro contesto urbano».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dal reparto Covid-19 di Borgo Trento: «Sappiamo cosa ci aspetta per i prossimi mesi»

  • Quanta acqua devo bere al giorno? Ecco quello che non sapevi

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Sono due trentenni in grave difficoltà economica i genitori del bimbo abbandonato a Verona

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Un morto ed un ferito per un incidente motociclistico a Caprino Veronese

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento