Attualità Via dei Mutilati

I migliori giovani talenti del pianoforte si sfidano in un concorso a Verona

108 pianisti provenienti da 15 Paesi, da giovedì 3 a domenica 6 ottobre, si esibiranno nel “Verona International Piano Competition”: «Per il Comune, che ha creduto in questa manifestazione, quindi, si tratta di una scommessa vinta»

Pixabay: Nathaniel_Stensen

Saranno i migliori giovani talenti del pianoforte a contendersi, da giovedì 3 a domenica 6 ottobre, il “Verona International Piano Competition”. Il premio, organizzato dalla “Associazione Musicale Liszt 2011” e giunto quest’anno all’ottava edizione, è uno dei più importanti concorsi, a livello internazionale, per giovani pianisti. Il suo obiettivo, infatti, è proprio quello di far conoscere e sostenere i più talentuosi interpreti del piano, tra i 18 e i 35 anni. Non è un caso, quindi, che dopo le preselezioni, siano stati ammessi alle fasi finali del concorso ben 108 pianisti provenienti da 15 Paesi.

Il premio si articola in tre prove pubbliche. Le eliminatorie si terranno il 3 e 4 ottobre, nell’auditorium “Nuovo Montemezzi” del Conservatorio di Verona. Sabato 5 ottobre, durante tutta la giornata, si terranno le semifinali nella sala Maffeiana del Teatro Filarmonico. Infine, domenica sera dalle 20.30, andranno in scena le prove finali e la premiazione dei vincitori al Filarmonico, in un appuntamento inserito nella programmazione del “Settembre dell’Accademia”.

Il premio “Città di Verona” è stato presentato, lunedì mattina in sala Arazzi, dall’assessore alla Cultura Francesca Briani, dal presidente della Associazione Musicale Liszt 2011 Roberto Pegoraro con il maestro Edoardo Strabbioli, dal segretario generale di Fondazione Cattolica Adriano Tomba, dal presidente del Conservatorio di Musica Giovanni Frigo e da Francesca Vanzo di Agsm.

«Un concorso pianistico – ha detto l’assessore Briani – che ogni anno vediamo crescere, diventare più importante e affermarsi a livello internazionale. Per il Comune, che ha creduto in questa manifestazione, quindi, si tratta di una scommessa vinta. Lo è sia per il rilievo che ha assunto dal punto di vista della partecipazione, e il numero di concorrenti lo dimostra, sia per il valore dei concorrenti e delle loro esibizioni che sono state inserite nel cartellone del Settembre dell’Accademia».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I migliori giovani talenti del pianoforte si sfidano in un concorso a Verona

VeronaSera è in caricamento