rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Attualità Nogarole Rocca

Piano di sorveglianza per l'influenza aviaria, Verona territorio ad alto rischio

Del Veneto, solo la provincia di Belluno non è tra quelle ad alto rischio di diffusione. E la provincia scaligera è quella con il maggior numero di allevamenti avicoli inclusi nel piano ministeriale

Silvio Borrello, direttore generale della sanità e dei farmaci animali del Ministero della salute, ha spedito venerdì scorso, 11 gennaio, il nuovo piano di sorveglianza nazionale per l'influenza aviaria, valido per il 2019. Piano che deve essere portato a termine entro la fine dell'anno.

PIANO DI SORVEGLIANZA NAZIONALE PER L'INFLUENZA AVIARIA

Il documento è di 65 pagine e definisce tra l'altro la numerosità e la frequenza dei campionamenti da svolgere negli allevamenti avicoli di tutto il territorio nazionale. Una definizione basata sull'analisi della situazione epidemiologica, dei fattori di rischio e della categoria di rischio identificata per ogni singola provincia.

Il Veneto è stato considerato un territorio ad alto rischio di diffusione di influenza aviaria e delle province venete solo quella di Belluno non è considerata ad alto rischio. La provincia di Verona risulta dunque inserita tra quelle ad alto rischio e, tra quelle venete, è la provincia con il maggior numero di allevamenti avicoli inclusi nel piano di sorveglianza ministeriale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano di sorveglianza per l'influenza aviaria, Verona territorio ad alto rischio

VeronaSera è in caricamento