Pfas, contaminazione anche attraverso la pelle? La Regione nega

La consigliera regionale Guarda cita i risultati di un esperimento statunitense, ma l'ente regionale risponde: «Ricerca fatta su animali. Non è valida per l'uomo»

Foto di repertorio

Sui Pfas, la Regione Veneto continua ad essere in ritardo e gioca una partita pericolosissima letteralmente sulla pelle dei veneti, lasciati soli di fronte a questa emergenza. Arrivano pessime notizie dagli Stati Uniti: studi scientifici di primario livello evidenziano come i Pfas penetrino nel sangue umano anche solo con il contatto attraverso l'epidermide. Quindi non è sufficiente sconsigliare l'uso alimentare dell'acqua non filtrata nelle zone contaminate, occorre fare molto ma molto di più.

A dirlo è la consigliera regionale Cristina Guarda, la quale ha condiviso i risultati di un recente studio statunitense. Secondo questa ricerca, i Pfas contenuti nell'acqua possono entrare nell'organismo umano anche solo attraverso il contatto con la pelle. Quindi, i cittadini veneti e veronesi che vivono in zone in cui l'acqua è contaminata, non solo dovrebbero evitare di berla, ma dovrebbero anche evitare di usarla per lavarsi. «Come possono, i cittadini, riorganizzare la propria vita per l'igiene quotidiana?», si domanda la consigliera Guarda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla questione posta dalla consigliera regionale di opposizione, ha risposto la Regione Veneto precisando che: «Le istituzioni scientifiche internazionali sono concordi nell'affermare che l'esposizione umana a Pfas avviene prevalentemente per ingestione, attraverso acqua o alimenti contaminati, salvo contesti particolari come quello professionale. Nella popolazione generale, non è mai stato dimostrato dalla letteratura scientifica un ruolo significativo dell'esposizione cutanea a questi composti. Infatti, la relazione finale dell'Istituto Superiore della Sanità sui Pfas ha evidenziato che l'ingestione dell'acqua è stata il principale veicolo di contaminazione della popolazione e che, a seguito degli interventi di messa in sicurezza degli acquedotti mediante installazione dei filtri a carboni attivi, gli abitanti della zona rossa presentano gli stessi livelli di esposizione degli abitanti di tutto il Nord-Est Italia».
La Regione ha inoltre aggiunto che lo studio citato dallo consigliera Guarda è stato effettuato su animali da esperimento, quindi i risultati «non possono essere trasferiti a un'esposizione di rischio che riguarda l’uomo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Auto in fiamme dopo lo scontro con un autocarro: morta una donna

  • Morto in A22 a 37 anni: scoppiate le gomme posteriori, il furgone è diventato incontrollabile

  • Coronavirus: in Veneto nuovi casi positivi e ricoveri, 4 morti di cui 3 sono a Verona

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

  • Forti temporali attesi in Veneto: stato di attenzione anche nel Veronese

Torna su
VeronaSera è in caricamento