Pfas, Acque Veronesi e altre 3 società: «Condotte illecite dopo il 2013, ci costituiamo parte civile»

«Abbiamo affrontato danni ingenti e onerosi, ora si accerti la verità e si proceda ai risarcimenti», le quattro aziende si preparano al procedimento sul caso d'inquinamento che ha coinvolto il Veneto

Il sito dell'ex Miteni

«Abbiamo affrontato danni ingenti e onerosi, ora si accerti la verità e si proceda ai risarcimenti». Sono Acque del Chiampo, Viacqua, Acque Venete e Acque Veronesi a chiederlo, al termine delle indagini relative all'inchiesta bis sull'inquinamento da Pfas registrato in Veneto, con un comunicato stampa congiunto riportato dai colleghi di PadovaOggi

Il comunicato

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«È da accogliere con estremo favore - riporta la nota delle quattro società - la conclusione delle indagini sul secondo filone di inchiesta che vede Miteni (con i propri dirigenti) assieme ai manager della società lussemburghese International Chemical Investors tra gli accusati.Da apprezzare particolarmente è stata la rapidità con la quale i magistrati hanno operato pur in presenza di difficoltà operative oggettive causate dall’emergenza Covid. Perché è importante questa inchiesta? Perché confermerebbe quanto sempre sostenuto dalle società idriche – Viacqua, Acquevenete, Acque Veronesi e Acque del Chiampo – ossia che le condotte di inquinamento ambientale si sono protratte oltre il 2013, data di riferimento della chiusura del primo filone d’inchiesta, e quindi concretizzando anche fattispecie criminose previstedalla c.d. legge sugli Ecoreati. È un passo importante nell’accertamento di responsabilità gravi sul piano ambientale e sanitario che hanno causato ingenti danni cui, come è noto, proprio le società idriche hanno tempestivamente posto rimedio con misure eccezionali, urgenti ed estremamente onerose. Anche in questo secondo procedimento, come già in quello che vede coinvolta Mitsubishi, qualora il GUP disponesse il rinvio a giudizio, le società idriche non mancheranno di costituirsi parte civile, per i reati ambientali contestati, nell’interesse dell’accertamento di una piena verità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per gli otto comuni veronesi confinanti col Trentino 4 milioni di euro

  • La fuga dopo la rapina diventa un incidente mortale: perde la vita una 29enne

  • Maxievasione fiscale: sequestrati denaro e beni per 1,4 milioni di euro

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 25 al 27 settembre 2020

  • Filobus a Verona. «Ma quale ultimatum? Cantieri prorogati fino a fine anno»

  • Ulss 9 Scaligera e Covid-19: origine e zona degli ultimi 39 casi registrati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento