Medici da tutta Italia alla Pederzoli, per imparare la chirurgia pancreatica

Sono 35 i chirurghi provenienti da tutta Italia per partecipare alla quinta edizione del corso, che si terrà alla clinica di Peschiera e che tratterà anche l'approccio multidisciplinare

Immagine generica

Sono trentacinque i chirurghi provenienti da tutta Italia che parteciperanno alla quinta edizione del corso di chirurgia pancreatica organizzato dall’Unità di chirurgia pancreatica dell’ospedale Pederzoli di Peschiera del Garda. Tre giorni 28, 29 e 30 ottobre in cui gli specialisti potranno approfondire le tecniche chirurgiche e tematiche relative alla diagnosi e la gestione del paziente sottoposto a chirurgia pancreatica maggiore. Ma non è tutto. Durante il corso verrà condotta una analisi approfondita dell’iter diagnostico terapeutico, dell’approccio multidisciplinare, il trattamento delle complicanze e la metodica mini invasiva per mezzo del robot.

L'Ospedale Pederzoli, da sempre riconosciuto come una delle eccellenze nel trattamento del tumore al pancreas, punta su quella che si definisce “strategia terapeutica". Da qui l'obiettivo del corso. Il concetto di "strategia" affonda le sue radici nell'approccio multidisciplinare, metodo che ha caratterizzato lo stile del gruppo chirurgico fondato dal Professor Paolo Pederzoli fin dagli anni '80 e che vede coinvolti all'interno del percorso diagnostico/terapeutico diverse figure specialistiche (oncologi, radiologi e psicoterapeuti). «Da sempre sentiamo l'esigenza di trasmettere ai chirurghi specializzandi o già specialisti la necessità di unire le conoscenze dei settori coinvolti nel trattamento del tumore al pancreas - ha sottolineato il Professor Paolo Pederzoli -. Tutte queste competenze riunite ci permettono non solo di arrivare ad una corretta diagnosi, ma anche di riuscire ad individuare la strategia migliore da somministrare al singolo paziente».

L’approccio multidisciplinare non è solo l’unico aspetto che rende l’Ospedale Pederzoli un’eccellenza nazionale. Ad oggi infatti è considerato quarta struttura italiana per volume di interventi e secondo nell’utilizzo del robot. «Utilizziamo il robot per quello che viene considerato l'intervento più complesso della chirurgia oncologica addominale noto come duodeno cefalo pancreasectomia*. Siamo attualmente l'unica struttura nel Nord Italia ad usare questo approccio - ha sottolineato il dottor Giovanni Butturini, responsabile dell'Unità di chirurgia pancreatica dell'Ospedale Pederzoli -. Sono diversi i vantaggi che questo tipo di metodica offre: maggior sicurezza per il chirurgo e per il paziente oltre a tutti i vantaggi della mini-invasività. Si tratta di un'esperienza che noi affrontiamo con entusiasmo e passione e possiamo dire che i risultati ottenuti sono soddisfacenti».

*asportazione della testa del pancreas del duodeno e parte della via biliare

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • "Strage di Santa Lucia" a Sommacampagna: il disastro aereo in località Poiane

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Nasce il nuovo polo logistico del Gruppo Veronesi: 200 i lavoratori impiegati

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento