Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

Messaggio di ringraziamento per il professor Giovanni De Manzoni, che dirige l'unità operativa complessa di chirurgia generale, dell'esofago e dello stomaco dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona

Il professor De Manzoni e l'ospedale di Borgo Trento

Un toccante messaggio di ringraziamento è giunto alla nostra redazione da parte di un cittadino calabrese, operato all'ospedale veronese di Borgo Trento. Un messaggio di ringraziamento rivolto al professor Giovanni De Manzoni, che dirige l'unità operativa complessa di chirurgia generale, dell'esofago e dello stomaco dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona.
Questa la lettera di ringraziamento:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo il buio più totale, dopo due operazioni in seguito alle quali per una diagnosi disgraziatamente superficiale mi fu asportato tutto lo stomaco, ho finalmente rivisto la luce. Dopo essere stato rovinato a vita in un ospedale della mia terra, la Calabria, da un intervento chirurgico che non doveva essere eseguito, ho finalmente incontrato lui, il professor Giovanni De Manzoni, primario del reparto stomaco ed esofago del polo chirurgico Confortini presso la struttura ospedaliera di eccellenza Borgo Trento di Verona. Grazie all'eccellente chirurgo e alla sua équipe sono praticamente rinato: in seguito all'errata operazione ero ormai da tempo costretto ad alimentarmi per via parenterale, quando tentavo di nutrirmi un poco per bocca, l’ingestione del cibo mi provocava dolori talmente atroci, da dover ricorrere alla morfina 24 su 24. Il mio corpo a poco a poco si stava riducendo all’osso, la mia vita si stava spegnendo. Dopo ben tre interventi subiti in Calabria, il quarto, quello definitivo avvenuto presso l’azienda ospedaliera Borgo Trento di Verona, mi ha letteralmente ridato la vita, sistemando ciò che per molti era ritenuto impensabile. Un grazie infinito al professor De Manzoni e a tutta la sua équipe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus: 11 nuovi casi in Veneto e l'ospedale di Borgo Trento torna ad avere ricoverati

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • La montagna vicino Verona: 5 fantastiche escursioni a due passi dalla città dell'amore

  • A4, morto per un malore in terza corsia: scontri pericolosi evitati grazie ad un'auto e un tir

  • Coronavirus, un nuovo morto in Veneto e purtroppo è veronese

  • La sua ragazza non risponde e chiama il 112: trovata in una casa con droga e refurtiva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento