rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Halloween. Giganti carnivori alle prese con le zucche al Parco Natura Viva

Sono state predisposte nelle aree dei draghi di Komodo e delle lontre giganti alcune zucche intagliate, con l’obiettivo di conoscerne meglio reazioni e interazioni

Tutt’altro che erbivori, sono la “versione gigante” di come siamo abituati a pensare questi animali: se le due lucertolone Padar e Indah possono arrivare a pesare 70 chili, le lontre brasiliane Felipe e Apalai si aggirano intorno ai 30, più del doppio dei “cugini” europei che non superano i 12. Ma la loro mole e la loro alimentazione da carnivoro non hanno impedito allo staff del Parco Natura Viva di Bussolengo di rinnovare la tradizione di Halloween e predisporre nella nuova Casa dei Giganti le consuete zucche intagliate, con l’obiettivo di conoscerne meglio reazioni e interazioni. Le lontre giganti difatti hanno messo zampa per la prima volta in Italia poco più di 10 giorni fa dallo zoo di Madrid mentre le dragonesse di Komodo - sebbene abbiano preso possesso dei propri territori già da un mese e mezzo - provengono dagli zoo di Artis (Olanda) e di Wroclaw (Polonia) e ancora devono abituarsi ad avere a che fare con molti stimoli cognitivi e sensoriali.

Parco Natura Viva. Halloween per i draghi di Komodo e le lontre giganti

Due atteggiamenti molto diversi per due specie che in natura vivono agli antipodi del globo, in Sudamerica e nell’arcipelago indonesiano: la lingua biforcuta di Padar e Indah è servita per esercitare l’olfatto da rettile e ispezionare le zucche dentro, fuori e attraverso gli intagli, durante l’accurato controllo mattutino del proprio territorio; il muso e le zampe di due inguaribili mammiferi nuotatori come Felipe e Apalai invece, sono stati molto utili per trasformare la zucca in una palla e spingerla dentro l’acqua, rovesciarla con un tuffo o spezzarla per infilarci dentro la testa. Instancabili le acrobazie subacquee di questi due fratelli affettuosi, che vengono interrotte solo per tornare a terra, “impanarsi” con la sabbia e tornare nuovamente a mollo. Anche le dragonesse si immergono e dimostrano un’agilità unica, anche se un fatto è certo: nessuna effusione per loro, ma la vita solitaria del rettile in due reparti separati e uno sguardo severo che non ha bisogno di aggiungere altro.

Tanto sull’isola di Komodo quanto in Sudamerica le due specie sono a rischio di estinzione: per questo tutti e 4 gli esemplari sono inseriti nei programmi EEP di conservazione ex situ dell’Associazione Europea degli Zoo e degli Acquari (EAZA). Nonostante in natura a separarle ci sia l’Oceano Pacifico, le cause di minaccia non sembrano variare significativamente: sottrazione dell’habitat da parte delle attività umane che frammenta gli ecosistemi e impedisce alle popolazioni di proliferare, inquinamento degli ecosistemi - come i fiumi che le lontre abitano - e non per ultimo, il tema del turismo di massa che a Komodo si sta rivelando un problema d’interesse governativo.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Halloween. Giganti carnivori alle prese con le zucche al Parco Natura Viva

VeronaSera è in caricamento