Mercoledì, 16 Giugno 2021

Si schiudono le uova al Parco Natura Viva, che accoglie tre piccoli di cicogna nera

«Sono state quattro le uova deposte ma ce l’hanno fatta solo in tre. I pulcini sono nati a due giorni di distanza l’uno dall’altro e ancora si individuano a occhio nudo il più piccolino, il mezzano e il maggiore», ha spiegatp Camillo Sandri, veterinario e curatore zoologico

Tris di piccoli di cicogna nera spiati dalle telecamere di sorveglianza del Parco Natura Viva di Bussolengo: un ramo troppo sporgente ha impedito di immortalare il momento della schiusa ma oggi, a poco più di una settimana di vita, stanno bene e il loro nido non viene mai lasciato incustodito da mamma e papà. Specie europea, la cicogna nera in Italia è classificata come “vulnerabile” di estinzione dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura: per questo allo studio dei ricercatori c’è già un progetto di ripopolamento nell’Europa orientale.
Dalle morbide piume bianche, i tre cicognini lasceranno il posto alle prime penne nel giro di qualche mese, per poi diventare neri su tutto il corpo tranne che sul ventre: intorno all’anno di età, indosseranno un bel frac che li accompagnerà per tutta la vita.

«Sono state quattro le uova deposte - spiega Camillo Sandri, veterinario e curatore zoologico del Parco Natura Viva - ma ce l’hanno fatta solo in tre. I pulcini sono nati a due giorni di distanza l’uno dall’altro e ancora si individuano a occhio nudo il più piccolino, il mezzano e il maggiore. Tra poche settimane si equivarranno, anche perché i genitori sono molto attenti ad assicurarsi che non sia solo il più intraprendente a mangiare». In tutti i periodi dell’anno le cicogne nere dedicano la maggior parte delle ore di luce alla raccolta di cibo, a maggior ragione quando sul nido hanno dei piccoli da sfamare: «Mangiano moltissimo pesce e piccoli vertebrati - prosegue Sandri - e nelle prime settimane di vita hanno bisogno di un pasto in media ogni ora, che i genitori offrono loro. Poi pian piano imparano ad usare becco e zampe per strappare i pezzetti più grandi. Fin quando non saranno pronti all’involo, fase molto delicata della loro crescita».

Dopo una lunga assenza, la cicogna nera è tornata a nidificare in Italia solo nel 1994 in Piemonte e da quel momento, grazie ai progetti di reintroduzione in natura, si è registrato un timido aumento. Rimangono però le minacce che possono esserle fatali: i grandi alberi sui quali nidifica e le zone umide che ama per cacciare si stanno rapidamente riducendo, a vantaggio di un’antropizzazione degli ecosistemi che, al contrario della “cugina” bianca, questa specie non gradisce affatto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Si schiudono le uova al Parco Natura Viva, che accoglie tre piccoli di cicogna nera

VeronaSera è in caricamento