menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Parcheggio della Genovesa

Parcheggio della Genovesa

Nove telecamere di videosorveglianza al parcheggio della Genovesa

«Ora il parcheggio è davvero finito, efficiente e a disposizione degli utenti - ha detto il sindaco Federico Sboarina - Un altro spazio della città messo in sicurezza e arricchito di verde pubblico». Ma le opposizioni pungono

Mancavano solo le telecamere per completare definitivamente il parcheggio scambiatore della Genovesa, a Verona, vicino al casello autostradale. Un’opera da 3 milioni di euro consegnata alla città lo scorso novembre e che tuttavia in questi mesi è stata oggetto degli ultimi lavori per renderla efficiente al cento per cento, in attesa che possa essere usata per sgravare la fiera e il centro in occasione di eventi e manifestazioni.

L'ultimo lavoro portato a termine nel parcheggio è un innovativo apparato di videosorveglianza, costituito da nove telecamere, tra fisse e multi-direzionali, collegate alla rete di telecamere del Comune. Le telecamere sono state installate nei giorni scorsi e sono già in funzione.
Il costo complessivo dell'intervento è di 42mila euro ed è stato realizzato in collaborazione con Agsm Lighting. E dal punto di vista prettamente tecnico, si tratta di un'operazione che consente la condivisione delle immagini e quindi di informazioni utili e in tempo reale tra più soggetti preposti alla sicurezza de territorio. Sulla Piattaforma Milestone, infatti, sono state create quattro nuove viste specifiche per il parcheggio. All'interno di ciascuna vista è stata introdotta, oltre alle telecamere, anche la mappa interattiva su cui si può selezionare ed avviare un’inquadratura specifica. Un sistema che garantisce la più ampia visuale possibile e di conseguenza la sicurezza per gli utenti del parcheggio.

telecamera videosorveglianza parcheggio genovesa-2
(Una delle telecamere da poco installate nel parcheggio)

Sono circa mille i posti auto a disposizione, tutti gratuiti, con spazi riservati a disabili, motocicli e al bike sharing, su un'area di 45mila metri quadri, alla quale si accede direttamente da Strada La Genovesa. Per i mezzi pubblici è stato realizzato un tratto indipendente, con fermate e pensiline. Su tutta l'area sono presenti elementi di arredo urbano, come panchine e cestini, oltre a duecento alberi e 18mila arbusti messi a dimora durante l'inverno. Presenti anche alcune torri faro per far sì che l'area sia illuminata in ogni sua parte.

Soddisfatti il sindaco Federico Sboarina e l'assessore alla sicurezza Marco Padovani, che hanno verificato il nuovo sistema di videosorveglianza insieme al presidente della quinta circoscrizione Raimondo Dilara, al vicepresidente Floriano Rossi e al consigliere Stefano Ubaldi.
«Ora il parcheggio è davvero finito, efficiente e a disposizione degli utenti - ha detto il sindaco - Un altro spazio della città messo in sicurezza e arricchito di verde pubblico. Una risposta importante anche alle esigenze dei quartieri vicini, in particolare Santa Lucia, Golosine e Borgo Roma e in vista del ritorno delle fiere e dei grandi eventi. Mille auto che invece che dirigersi verso il centro potranno parcheggiare gratuitamente l'auto in un'area servita dalle navette. È stato scelto un sistema di videosorveglianza che non lascia spazio ai malintenzionati e rende ancora più vantaggioso per gli utenti lasciare l'auto in questo parcheggio».
«La videosorveglianza è fondamentale per intervenire in tempo reale laddove ce ne fosse bisogno ma è anche uno strumento che funge da deterrente per chi non rispetta le regole e adotta comportamenti incivili», ha aggiunto Padovani.

sopralluogo parcheggio genovesa-2
(Il sopralluogo al parcheggio della Genovesa)

La conclusione di questi lavori al parcheggio scambiatore della Genovesa è stata, però, anche l'occasione per delle critiche all'amministrazione comunale. Il consigliere comunale Tommaso Ferrari e la consigliera della quinta circoscrizione Beatrice Verzè, entrambi esponenti del movimento Traguardi, hanno dichiarato: «L'obiettivo primario del parcheggio era l'utilizzo dei mezzi del filobus per raggiungere il centro di Verona e i quartieri. Del filobus non se ne sa più nulla, così come delle navette. Quello che rimane, dunque, è un parcheggio che rispecchia la progettualità dell'attuale amministrazione: opere mal collegate e annunci non concretizzati. È necessario pensare ad un utilizzo strategico e duraturo di un'infrastruttura che può rivelarsi strategica per la diminuzione del traffico in quartieri come Cà di David, Borgo Roma e Sacra Famiglia, che soffrono da troppo tempo. Altrimenti risulterà l'ennesima opportunità sprecata, a discapito dei cittadini veronesi».
Mentre il consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune Michele Bertucco ha ricordato che in questa zona della città sono previsti anche altri parcheggi, come quello agli ex Magazzini Generali, all'ex Manifattura Tabacchi e all'ex Safem, oltra al raddoppio del multipiano in Viale dell'Industria. «La mancata pianificazione rischia di condannare il parcheggio della Genovesa a ripetere il triste destino dei parcheggi dello Stadio, sottoutilizzati per la gran parte dell'anno - ha commentato Bertucco - Un'occasione di riordino che la città rischia di perdere per l'insipienza delle ultime amministrazioni di centrodestra che non sanno quello che fanno».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento