Il panettone più buono del Veneto lo sfornano a San Martino Buon Albergo

L'edizione 2018 della sfida solidale Panetthòn ha incoronato il panettone di Saporè come il migliore di tutta la regione. Sul podio con lui due pasticcerie della provincia di Vicenza

I finalisti di Panetthòn 2018

Ieri, 2 dicembre, ad Abano Terme l'edizione 2018 di Panetthòn ha incoronato il panettone di Saporè di San Martino Buon Albergo come miglior panettone del Veneto. Sul podio, al secondo e terzo posto, due pasticcerie della provincia di Vicenza: Olivieri 1882 di Arzignano e Il Chiosco di Lonigo.
Saporè, Il Chiosco e Olivieri 1822 si erano guadagnati il podio già nella semifinale di San Bonifacio e si sono confermati in cima alla classifica anche nell'evento finale.
A votare il migliore panettone del Veneto una giuria tecnica composta da giornalisti ed esperti di enogastronomia ma anche il pubblico, chiamato ad esprimere un giudizio alla cieca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Panetthòn è una sfida solidale fra i migliori panettoni artigianali del Veneto, quelli prodotti senza additivi e con materie prime di alta qualità. Panettoni classici, con uvetta e canditi, che hanno una durata limitata ma che in cambio presentano una bontà senza paragoni.
L'etichetta solidale definisce le finalità benefiche del concorso, il cui ricavato sarà destinato alla onlus Amici di Adamitullo che in Etiopia garantisce il sostegno ad attività scolastiche ed educative rivolte alle comunità locali e all'associazione Co-Meta di Padova che da qualche anno sostiene attività di cooperazione sociale rivolte ai bambini in Burkina Faso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Ingannato dalla chiamata de Numero Verde della Banca: rubati soldi dal conto corrente

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Polemica su Crisanti, il professor Palù: «È un mio allievo esperto di zanzare»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento