Ottomila piante e alberi attendono di essere adottate dai veronesi

Torna in città l'iniziativa 'Ridiamo il sorriso alla pianura Padana', che prevede la consegna gratuita di piante o essenze arboree da mettere a dimora in giardini, terrazzi o balconi privati del territorio comunale

Immagine di repertorio

Riprendono le 'adozioni' green di alberi e piantine a Verona. Torna l'iniziativa 'Ridiamo il sorriso alla pianura Padana', che prevede la consegna gratuita di piante o essenze arboree da mettere a dimora in giardini, terrazzi o balconi privati del territorio comunale. Un modo per coinvolgere i cittadini nella riforestazione urbana e contribuire al miglioramento della qualità dell'aria.

Quest'anno, grazie alla collaborazione con Veneto Agricoltura, saranno messe a disposizione dei veronesi ben 8 mila piante, più del doppio dell’anno scorso.

Nel corso del 2019, infatti, erano stati 1.300 i cittadini che avevano fatto richiesta e che hanno ritirato 3.375 alberi o essenze, in base allo spazio di casa. La scelta degli alberi o degli arbusti, infatti, dipende dal luogo dove viene messa a dimora la pianta, se sul balcone, in giardino o in un campo di proprietà. Per ogni tipologia, sono messe a disposizione piante autoctone e con maggiori proprietà antismog. Numerose anche le aziende che avevano collaborato finanziando il progetto, tra cui Adigeo, AMT, ATV, Acciaierie Pittini, Coldiretti, Fedrigoni, Ente Fiera di Verona.

Iscriversi è semplice e gratuito. Entro il 15 ottobre, basta accedere al sito www.ridiamoilsorrisoallapianurapadana.eu e autenticarsi. Dopodichè si potranno prenotare le piantine desiderate, fino ad un massimo di 10 a testa. La consegna avverrà in Arsenale, dopo un breve momento informativo rispetto alla modalità di cura degli arbusti messi a disposizione.

«Un progetto vincente, che coinvolge direttamente i cittadini, rendendoli protagonisti e allo stesso tempo responsabili della rigenerazione ambientale della loro città – afferma l’assessore all’Ambiente -. Le aree comunali disponibili per nuove forestazioni sono limitate, ecco perchè il coinvolgimento del privato diventa una risorsa eccezionale. Così, anno dopo anno, si dà vita ad una vera e propria riforestazione urbana, anche in funzione antismog. E si sensibilizza la cittadinanza a prendersi cura dell'ambiente, tante piccole azioni quotidiane possono fare la differenza. Un grazie va a tutti coloro che hanno accettato di condividere questa visione del nostro territorio e che hanno deciso di aderire in modo concreto al progetto. Senza la generosità dei donatori oggi non saremmo qui, ora tocca ai cittadini fare la propria parte».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • La zona "gialla plus" di Zaia peggio di quella arancione? Commercianti aperti, senza clienti

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Coronavirus, a Verona tornano a salire i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
VeronaSera è in caricamento