A Verona un osservatorio permanente sulle criticità del mondo della scuola

Tre gli obiettivi: monitorare le emergenze educative; essere un punto di ascolto e raccolta delle esigenze di genitori, insegnanti, dirigenti scolastici ed operatori del settore; creare servizi e progetti per sviluppare il benessere dei ragazzi

La presentazione dell'osservatorio permanente per le scuole

Un motore che darà impulso a nuovi progetti per le scuole, ascoltando bisogni ed esigenze e mettendo in rete tutte le risorse a disposizione. A Verona parte il primo Osservatorio Permanente dell'Educazione al Rispetto e all'Autostima d'Italia (Opera).

In prima linea e subito operativi, il Comune, le associazioni che operano nel campo educativo e l'Ufficio scolastico provinciale e regionale. I diretti interessati saranno scuole, famiglie e studenti. Nel programma dei lavori delle prossime settimane sono già fissati incontri con i dirigenti scolastici per far conoscere il progetto. E sarà attiva dalla prossima settimana anche la mail progetto.opera@comune.verona.it, per informazioni e contatti.

Tra le finalità dell'osservatorio, non solo affrontare le criticità legate al mondo dei giovani e delle famiglie, ma anche essere da volano ad idee positive e innovative. Nello specifico tre gli obiettivi: monitorare le emergenze educative in tutte le scuole di ordine e grado; essere un punto di ascolto e raccolta delle esigenze di genitori, insegnanti, dirigenti scolastici ed operatori del settore; creare servizi e progetti per prevenire comportamenti a rischio e sviluppare il benessere dei ragazzi.

L'avvio dell'osservatorio è stato annunciato dall'assessore all'istruzione di Verona Stefano Bertacco, insieme alla pedagogista e docente Antonella Rossi. Presenti anche la presidente della commissione consiliare per l'istruzione Maria Fiore Adami, il consigliere comunale Paola Bressan, la rappresentante dell'Ufficio scolastico provinciale Roberta Spallone, il docente dell'Università di Verona Riccardo Giumelli, il presidente di Prospettiva Famiglia Paolo Stefano, la responsabile della Scuola per Genitori Daniela Galletta.

Sulla scia del successo registrato dal progetto Benessere, attivato in 47 istituti di Verona - ha detto Bertacco - abbiamo voluto mettere insieme tutte quelle realtà che hanno a cuore la qualità del servizio educativo e sono sensibili a percorsi di miglioramento e di motivazione per una crescita continua di tutta la cittadinanza, partendo dai giovani.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 ottobre 2019

  • Col furgone tampona mezzo pesante in A22, muore giovane veronese

  • Veronese violentata dopo una serata al Mascara, arrestato il branco

  • Volotea, due nuove rotte dal Catullo e l'offerta biglietti sfiora il milione

  • Una fatale distrazione potrebbe aver spezzato la vita del 27enne in A22

  • Razzismo in un B&B di Verona, il gestore si scusa: «Parole mal pesate»

Torna su
VeronaSera è in caricamento