Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'ospedale di Negrar aumenta i posti letto destinati ai contagiati da Covid-19

I posti diventano 83, ma in caso di necessità saranno attivati anche i 24 relativi all'Ospedale di Comunità

 

L’IRCCS Sacro Cuore Don Calabria (ospedale religioso parificato accreditato della Regione Veneto) intensifica il suo impegno nella cura dei pazienti affetti da Covid-19.
Rispetto al piano ospedaliero straordinario regionale del 15 marzo, l’ospedale di Negrar, in accordo con la Regione e l’Ulss 9 Scaligera, ha ulteriormente incrementato i posti letto dedicati esclusivamente ai pazienti con infezione da Coronavirus.

malattie infettive_01-2

Pertanto:

  • i posti letto di terapia intensiva passano da 5 a 9;
  • i posti letto di terapia sub intensiva passano da 10 a 12;
  • i posti letto di Malattie infettive passano da 29 a 62.

Complessivamente i posti letto Covid-19 sono quindi diventati 83

Nel momento in cui si presenterà la necessità saranno attivati i 24 posti letto dell’Ospedale di Comunità, già previsti dalla delibera regionale 614/2019. Qui verranno ricoverati i pazienti usciti dalla fase critica ma che non possono essere ancora dimessi.

ps22-2

«Il nuovo piano è stato possibile con un’ulteriore riorganizzazione dei reparti, in particolare di Medicina. Geriatria e Medicina Fisica e Riabilitativa – afferma l’amministratore delegato, Mario Piccinini -. Il “Sacro Cuore Don Calabria” non è un ospedale Covid e come tale oltre alla cura di questi pazienti continua l’attività ordinaria, che riguarda le emergenze – mediche, chirurgiche e materno-infantili – relative ad altre patologie. Questa epidemia, per la quale siamo in prima linea fin dall’inizio, comporta per l’ospedale uno sforzo umano, tecnologico e organizzativo senza precedenti. In linea con ciò che sta accadendo in tutta la sanità veneta».

malattie infettive_02-2

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento