Nessun disordine per il 2 giugno a Verona, Sboarina: «Giornata perfetta»

Festa della Repubblica, Giro d'Italia, promozione dell'Hellas, tutto in un solo giorno e senza problemi di ordine pubblico. Il sindaco ha ringraziato tutti coloro che hanno collaborato

Foto di gruppo con il sindaco di Verona Federico Sboarina e i rappresentati delle istituzioni e delle forze dell'ordine che hanno collaborato per il 2 giugno

Domenica scorsa, 2 giugno, è stata una giornata di festa per la città di Verona. Anzi, una giornata di feste, dalla mattina alla sera. È cominciata con le celebrazioni per la Festa della Repubblica, è proseguita con la tappa finale del Giro d'Italia e con la festa della maglia rosa conquistata dal ciclista equadoriano Richard Carapaz ed è terminata con la festa per la promozione dell'Hellas in Serie A, dopo la vittoria per 3-0 al Bentegodi contro il Cittadella.
Tutte queste manifestazioni si sono svolte senza problemi di ordine pubblico e non è stato un risultato scontato. Nei giorni che hanno preceduto il 2 giugno c'erano state anche delle polemiche sulla scelta di concentrare tutto nella giornata di domenica e sul mancato rinvio di un giorno della partita dell'Hellas Verona, l'unico dei tre grandi che si poteva spostare e che alla fine è stato posticipato solo di mezz'ora.

Per il sindaco di Verona Federico Sboarina, il 2 giugno è stato un giorno perfetto e per questo si è complimentato con tutte le istituzioni e con le forze dell'ordine che hanno collaborato per garantire la sicurezza di tutti.

Per realizzare una giornata perfetta c’è bisogno di una macchina organizzativa straordinaria e la città di Verona l'ha messa in campo - ha commentato Sboarina - Poche città in Italia sarebbero state capaci di organizzare e gestire in contemporanea tre appuntamenti di questo calibro. Una grande sfida che la città ha superato con successo grazie ad una straordinaria squadra di donne e di uomini. Militari, forze dell'ordine, vigili del fuoco e, ancora, dipendenti delle diverse istituzioni coinvolte e tantissimi volontari, che con il massimo impegno hanno collaborato assieme per la realizzazione della nostra prima giornata perfetta. Se il 2 giugno 2019 resterà per molti una domenica straordinaria è perché tutta questa meravigliosa città l'ha voluto ed ha aderito festosa ad una delle sue più grandi feste dello sport. Insieme a tutti i veronesi abbiamo scritto una delle pagine più belle della storia di Verona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Veneto verso l'arancione? Come funziona il calcolo che divide le Regioni in aree di rischio

Torna su
VeronaSera è in caricamento